Search

Category Archives: Cronaca

miglianico

Comprende le esigenze degli imprenditori locali per poter indicare loro le migliori strategie per provare a risollevarsi dall’emergenza economica causata dall’epidemia di Covid-19: è questo l’obiettivo di RaccontaMI, una campagna di ascolto e di promo contatto promossa dallo Sportello Impresa del Comune di Miglianico e dal presidente del Consiglio comunale, Mimmo Cicchitti, che da imprenditore vive in prima persona i drammi legati alla crisi che il 2020 ha reso evidente.

Sono state 250 le persone interpellate per un totale di 41 ore e mezzo di confronto con coloro che fanno impresa a Miglianico: un lungo incontro che ha rivelato le principali criticità degli imprenditori miglianichesi, permettendo così allo Sportello Lavoro di predisporre percorsi ad hoc per uscire dall’empasse venutasi a creare con l’emergenza sanitaria.

Pochissimi e solo i più strutturati hanno una presenza digitale solida sul web, presupposto essenziale per un nuovo dinamismo, per cui forte è stata la richiesta di una prima formazione proprio sul posizionamento ottimale nell’ambiente internet dell’impresa, sebbene sia stata indicata la necessità di affidare un così delicato settore di comunicazione a chi ha una consolidata esperienza nel campo informatico.

La seconda richiesta scaturisce dalla prima: la necessità di un servizio logistico a seguito di una eventuale presenza di uno store on line.

Poche le voci che chiedevano un abbassamento delle imposte Imu e Tari, che già sono state ridotte negli ultimi anni, diverse le richieste di continuare l’interlocuzione con il Comune tramite questo servizio.

“La trasformazione digitale delle imprese – ha spiegato il sindaco Fabio Adezio – è una delle priorità che abbiamo identificato tramite questo servizio di ascolto, che ci ha convinto sempre di più a battere un ben preciso campo per tentare di dare un aiuto concreto ai nostri imprenditori. L’imprenditoria, specie piccola, come quella che si riscontra nei piccoli centri, sta vivendo una stagione difficile in generale e Miglianico non è immune da questa situazione: per fortuna, nel nostro territorio abbiamo una grande varietà di attività con le quali è possibile costituire iniziative di spessore. Siamo convinti che il commercio miglianichese abbia la forza e la capacità di autosostenersi e RaccontaMI serve proprio a dare supporto a queste attività, aiutarle a mettersi al passo con i tempi, fornire gli strumenti adatti per il futuro. Le possibilità di finanziamento sono tante, tuttavia per il nostro Sportello Impresa quel che è essenziale è capire quale sia la più adatta ad ogni attività: analizzeremo le richieste pervenuteci, consiglieremo a ciascuno la strada migliore da percorrere e daremo supporto di fronte alla burocrazia che ci si troverà a dover affrontare. Il nostro obiettivo è quello di rafforzare le attività già esistenti dando la possibilità di fare una scelta ponderata anche a chi vuole avviare una nuova attività”.

by Redazione
Villa Santa Maria

Partono i lavori di riparazione e miglioramento sismico dell’ex scuola elementare in via Duca degli Abruzzi a Villa Santa Maria.

Con un fondo regionale per la ricostruzione post sisma 2009 e un fondo Cipe, l’amministrazione comunale dà il via alla realizzazione del progetto che si attendeva da anni.

Un intervento che ammonta a 697mila euro, cifra stanziata per i lavori  di rifacimento dei solai, alleggerimento del tetto, palificazioni per rendere più solido l’edificio, impianti termici e nuovi infissi.

“Avremo una struttura completamente nuova – commenta il sindaco Giuseppe Finamore – che farà fronte alle necessità dei nostri studenti».

La scuola, costruita negli anni Sessanta, si estende su due piani ed è  composta da 18 aule molto ampie e una palestra. Era stata dismessa in seguito al sisma del 2009.

«L’attesa è stata lunga ma ce l’abbiamo fatta – aggiunge il sindaco – c’è stato sicuramente un ritardo relativo ai  fondi per la ricostruzione che dopo tutti questi anni siamo riusciti a recuperare. Allo stesso tempo abbiamo intercettato nuovi finanziamenti, che si sono aggiunti ai precedenti, e che hanno permesso di avviare i lavori che termineranno nel 2022″.

Quando le nuove esigenze legate agli edifici scolastici indicheranno la destinazione d’uso della nuova scuola.

“La sicurezza degli istituti scolastici è sicuramente una priorità per la nostra amministrazione – conclude Finamore – avere delle scuole sicure è necessario per tutti i nostri studenti. Per tale motivo ci siamo impegnati e ci impegneremo affinché in paese non ci siano più strutture inadeguate e soprattutto non sicure”.

 

Miglianico

Miglianico è “Comune riciclone”: il prestigioso riconoscimento di Legambiente, che premia quei Comuni che hanno contenuto sotto i 75 kg per ogni cittadino lo scarto indifferenziato nella raccolta dei rifiuti, è stato virtualmente consegnato ieri in diretta web al sindaco, Fabio Adezio.

Nel corso del 2019, infatti, la frazione indifferenziata raccolta nel territorio comunale è stata pari a 366,12 tonnellate, pari a poco più di 73 kg. per ogni cittadino.

Un dato che sottolinea lo sforzo dell’amministrazione comunale che dal momento del suo insediamento ha fatto notevoli investimenti per promuovere la raccolta differenziata.

Nello scorso anno, del resto, Miglianico ha conferito 684,50 tonnellate di umido, 313 tonnellate di carta, 173,7 tonnellate di vetro, 49,08 tonnellate di plastica, confermando l’alta capacità di differenziazione dei cittadini

“Questo riconoscimento – ha spiegato il sindaco Fabio Adezio – è tutto per i cittadini: sono loro che hanno fatto il lavoro più importante, quello di differenziare i rifiuti e conferirli in maniera corretta. Sono felice di questo risultato che premia un obiettivo che la mia amministrazione si era posto sin dal suo primo insediamento, sei anni fa: fare di Miglianico una comunità rispettosa dell’ambiente e capace di bruciare le tappe per arrivare a livelli di raccolta differenziata inimmaginabili fino a pochi anni fa. Un lavoro lungo, fatto di informazione, educazione, persuasione, che ormai è stato interiorizzato dai cittadini che trovano del tutto naturale differenziare i rifiuti, operazione che tra l’altro ha già fruttato un abbassamento della tariffa pretesa dal Comune per lo smaltimento: un piccolo segno, ma significativo che ha contribuito a sostenere le famiglie del nostro paese. Non ci fermeremo qui, il nostro nuovo obiettivo è continuare ad ottenere questo titolo anche nei prossimi anni, cercando di isolare sempre di più la piccolissima sacca di incivili che insiste pervicacemente a disinteressarsi dell’ambiente e a gettare i rifiuti senza cautele”.

 

Il cuore grande della grande famiglia Honda Italia per chi vive nel bisogno.

Nei giorni scorsi, grazie ad una colletta alimentare organizzata all’interno dello stabilimento in Val di Sangro, tutti gli associati hanno donato ben 964 kg di cibo per le persone bisognose del territorio.

Quanto raccolto è stato affidato al Banco Alimentare Abruzzo, che immediatamente provvederà a distribuirlo ai poveri mediante la propria rete di enti convenzionati (Caritas, associazioni di volontariato, mense per i poveri ecc.).

Un gesto che ha visto la partecipazione convinta ed entusiasta di tutti, a rimarcare la sensibilità della comunità di Honda Italia.

Il cibo è stato consegnato ufficialmente nei giorni scorsi al Banco Alimentare Abruzzo, nelle persone di Michele Ianniello, membro del consiglio direttivo, e Cosimo Trivisani, direttore, da parte del direttore di stabilimento Marcello Vinciguerra, che ha così commentato:

In questo periodo dell’anno siamo soliti festeggiare il Natale con tutti i nostri associati organizzando il Christmas Party aziendale, un momento di condivisione e di allegria.

Quest’anno non è stato possibile e allora ci siamo chiesti cosa potessimo fare per festeggiare comunque tutti insieme, pur restando distanti, e ci siamo chiesti anche come Honda Italia potesse essere solidale nei confronti del proprio territorio in questo particolare momento storico.

È nata così la colletta alimentare all’interno della nostra azienda. Con il supporto del Banco Alimentare abruzzese che ringraziamo, ognuno di noi ha donato gli alimenti di cui c’è più bisogno.

Cogliamo quest’occasione per ringraziare tutti gli associati, uno per uno, per la sentita partecipazione e i fornitori che hanno dato il loro contributo.

Porteremo la gioia nelle case di tante persone, quella gioia che Soichiro Honda ha pensato come disponibilità e servizio nei confronti del cliente e che noi abbiamo tradotto in solidarietà.

E non c’è regalo più bello che potevamo fare e farci per questo Natale.

Così il presidente di Honda Italia, Hidenobu Nishida:

Ho subito sposato l’idea e condiviso la scelta di collaborare con il Banco Alimentare, perché per Honda il rispetto per l’individuo e il sostegno verso la società, il proprio territorio sono fondamentali e la nostra filosofia ci spinge ad avere sempre un forte senso di responsabilità.

La forza del team Honda la si vede proprio in queste occasioni perché per noi è di vitale importanza essere un’azienda di cui la società desideri l’esistenza, non solo per la qualità dei nostri prodotti ma soprattutto perché è un’opportunità: aiutare il prossimo genera Gioia.

Grazie a tutti e Buon Natale dal team Honda Italia.

Alla grande famiglia Honda Italia va la gratitudine del Banco Alimentare Abruzzo, anche a nome delle numerose persone che ricevono aiuto mediante il coinvolgimento degli enti convenzionati.

Pianella d'oro

Si terrà giovedì 31 dicembre, alle ore 10, nel corso della seduta del consiglio comunale presso la sala consiliare “D.Cavallone”, la cerimonia per il conferimento del Premio di benemerenza “Pianella d’Oro”, riconoscimento destinato alle personalità ed alle realtà associative che si sono contraddistinte nell’esercizio delle proprie funzioni, contribuendo a dar lustro e risalto alla Città in ambito culturale, artistico, scientifico, sportivo, politico e sociale.

Il Premio, deliberato dalla giunta comunale nella seduta del 15 dicembre 2020, è stato assegnato al Nucleo di Protezione Civile ed alla Croce Rossa, realtà che, fin dall’inizio dell’emergenza legata al Covid-19, non hanno mai fatto mancare il proprio supporto alla cittadinanza per ogni esigenza, a partire dalla consegna a domicilio di farmaci ed alimenti ma anche con tantissime altre attività come la consegna dei pacchi alimentari, lavorando quotidianamente in sinergia con l’ente vestino.

Ai rappresentanti dei due sodalizi, l’amministrazione consegnerà un notebook ciascuno, da utilizzare per le attività che i volontari realizzano nel corso di tutto l’anno.

“Anche quest’anno abbiamo voluto tributare un piccolo ma significativo riconoscimento a coloro che si sono distinti, favorendo la crescita culturale e sociale della nostra Città – afferma il sindaco Marinelli – In questa edizione abbiamo pensato ad un Premio diverso, assegnato non ad un singolo cittadino ma a due realtà associative che sono tuttora in prima linea per affrontare tutte le problematiche legate alla crisi pandemica in corso. Intendiamo in tal modo, conclude il primo cittadino, ringraziare tutti i volontari per l’opera meritoria a favore dell’intera collettività”.

 

 

Colletta Alimentare

Ancora una volta, nonostante le difficoltà del momento, la Colletta Alimentare è stata il manifestarsi concreto di una solidarietà operosa e costruttiva.

Nel periodo dal 21 novembre al 10 dicembre sono state infatti donate a livello nazionale 2.600 tonnellate di cibo, equivalenti a 5.2 milioni di pasti.

Le donazioni sono state effettuate attraverso le card messe a disposizione da Epipoli, prezioso partner di quest’anno, e disponibili nei 6mila punti vendita che hanno aderito all’iniziativa, oppure facendo la spesa online nei siti di Amazon e Esselunga.

Gli alimenti (tonno e carne in scatola, olio d’oliva, omogeneizzati e alimenti per l’infanzia, biscotti, latte UHT, conserva di pomodoro, riso, legumi) verranno consegnati nei prossimi mesi grazie al supporto logistico di Number1 alla Rete Banco Alimentare che provvederà a distribuirli alle oltre 8.000 strutture caritative convenzionate, che sostengono circa 2.100.000 persone in difficoltà.

In Abruzzo, i bisognosi assistiti sono 31.352 mediante 183 enti convenzionati.

“Una Colletta Alimentare diversa – commenta Antonio Dionisio, presidente del Banco Alimentare Abruzzo -. Un’edizione che, a dispetto del momento, delle difficoltà e della grande sfida nell’organizzarla, c’è stata. Ancora una volta. Nonostante tutto. Insieme abbiamo raccolto 2.600 tonnellate di cibo a livello nazionale, che ora saranno suddivise per ogni sede regionale proporzionalmente al numero degli assistiti. Grazie perché, nella crisi che stiamo vivendo, nulla è scontato. Non è scontato scegliere di non rinunciare. Non è scontato scegliere la solidarietà! Ringrazio tutti i volontari che anche quest’anno, pur nella nuova modalità, hanno accettato di mettersi in gioco donando del tempo. E grazie a tutte le associazioni che hanno condiviso questa sfida con passione e dedizione”.

Lo spot di lancio di questa edizione ha avuto come testimonial Claudio Marchisio ed è stato relizzato da Mate. Per il web sono state realizzate delle video Pillole con la partecipazione di Paolo Cevoli e Luca Abete.

 

Bcc Sangro Teatina

Pensa solidale _ Compra locale è il nome dell’iniziativa partita l’8 dicembre ad Atessa e promossa da Bcc Sangro Teatina in collaborazione con il Comune di Atessa, l’associazione Kommerciate, l’istituto Omnicomprensivo “Ciampoli–Spaventa” e l’asilo d’infanzia “Principessa Elena”.

Si articola in due sezioni. La prima Uno scontrino per la scuola è rivolta alle scuole primarie e dell’infanzia, per premiarle con buoni per l’acquisto di attrezzature e materiale didattico, a fronte di una sorta di “raccolta punti” tanto più fruttuosa quanti più saranno gli scontrini relativi ad acquisti fatti negli esercizi commerciali del territorio atessano.

Gli scontrini validi sono quelli che portano la data dal 3 dicembre 2020 al 28 febbraio 2021, e saranno raccolti in appositi contenitori installati negli istituti scolastici.

Partecipano tutte le scuole primarie e dell’infanzia di Atessa: scuola primaria Capoluogo, primaria Rione Santa Maria, primaria Monte San Silvestro, primaria Piana La Fara, scuola dell’infanzia Fonte Cicala, scuola dell’infanzia Rione Meridionale, scuola dell’infanzia San Luca, scuola dell’infanzia Piana La Fara, scuola dell’infanzia Aia Santa Maria, scuola dell’infanzia Principessa Elena.

I primi tre plessi classificati riceveranno materiale didattico per un valore pari rispettivamente a 700, 600 e 500 euro.

Dalla quarta alla nona scuola classificata il valore del materiale attribuito sarà di 300 euro.

Il 1° marzo 2021 saranno ritirati i contenitori degli scontrini dalle scuole.

A seguire, un’apposita commissione provvederà a conteggiare gli scontrini in rapporto al numero degli alunni regolarmente iscritti a quella scuola alla data del 31 dicembre 2020: vincerà il numero più alto.

Per fare un esempio, se due scuole raccogliessero 2000 scontrini e la prima avesse 100 bambini e la seconda 200, il rapporto ottenuto dalla prima sarebbe 20, quello della seconda 10, con evidente vantaggio della prima.

“L’iniziativa – spiega Fabrizio Di Marco (nellafoto), direttore generale Bcc Sangro Teatina – mette in campo un circolo virtuoso in cui i partecipanti si sostengono a vicenda. Da parte nostra, sosteniamo sia le scuole sia i commercianti: comprando nei negozi della città si contribuisce a mantenere vive strade, piazze e attività economiche tradizionali oltre che a sostenere le comunità didattiche. Non va infine trascurato il messaggio che un segno di legalità come lo scontrino porta con sé, suggerendo un comportamento civico corretto”.

La seconda sezione è Uno scontrino per la Caritas.

Sempre fino al 28 febbraio, ad Atessa verranno posizionati totem per la raccolta degli scontrini: uno in piazza Benedetti, accanto al presepe realizzato dall’associazione Amici del Presepe di Atessa e due nelle filiali della Bcc ad Atessa e Piazzano.

Il 28 febbraio un’apposita commissione conteggerà il totale degli scontrini inseriti e la Bcc erogherà alla Caritas l’1% del totale in favore delle famiglie del territorio meno fortunate.

“In questo modo – conclude Di Marco – intendiamo mandare un messaggio altrettanto chiaro: un’economia che gira è inclusiva perché tiene in considerazione anche chi fa più fatica. E la nostra banca è sempre in prima linea quando si tratta di costruire il bene comune”.

Pescara

Pensionato che si aggira, per lo più con le mani dietro la schiena, presso i cantieri di lavoro, controllando, facendo domande, dando suggerimenti o criticando le attività che vi si svolgono.

E’ la definizione del termine Umarell, espressione bolognese che indica “omarello, ometto” resa celebre dallo scrittore Danilo Masotti, che entra nell’edizione 2021 del vocabolario Zingarelli.

Ora a Pescara i pensionati vengono addirittura invitati ad osservare e a controllare i cantieri: arrivano, infatti, delle apposite installazioni, con tanto di finestra che consente la vista sull’area dei lavori.

L’obiettivo non è solo quello di far sì che i pensionati si avvicinino ai cantieri in assoluta sicurezza, ma anche e soprattutto quello di valorizzare gli anziani, in questo momento spesso soli a causa dell’emergenza sanitaria.

Un pannello con la scritta “Segui il cantiere”, la sagoma di un anziano con le tradizionali mani dietro la schiena e la finestra vera e propria: appaiono così le installazioni.

L’idea, che sta già diventando virale sui social, è di Alessio Sarra, creativo, imprenditore e noto consulente immobiliare pescarese, non nuovo a iniziative particolari: negli ultimi anni, infatti, ha fatto parlare di sé per aver messo in “vendita”, con la sua agenzia immobiliare, insieme ad un creativo, la Reggia di Caserta, progetto provocatorio per denunciarne lo stato di degrado.

Due le finestre allestite nel centro del capoluogo adriatico, in via Don Bosco, in un cantiere di un palazzo in vendita, con Sarra come consulente immobiliare; la terza verrà posizionata in un cantiere di via Caboto a Portanuova.

L’auspicio è che l’iniziativa possa essere replicata da altri costruttori.

Il tema, tra l’altro, è di estrema attualità.

Non solo l’edizione 2021 dello Zingarelli, ma anche Fabio Concato di recente ha saputo raccontare uno dei momenti più difficili della storia recente, quello del lockdown, con la canzone in dialetto milanese che si intitola proprio L’Umarell.

I dibattiti sugli anziani ai tempi della pandemia da Covid-19, il tema del lockdown e la canzone di Concato hanno quindi spinto Sarra a lanciare un’iniziativa che non è solo marketing, ma vuole avere un valore sociale.

L’imprenditore ha proposto il progetto ai costruttori con cui sta lavorando, che si sono mostrati subito entusiasti della novità.

“E’ un gesto fisico e simbolico di apertura verso i pensionati, per renderli partecipi dei cambiamenti in atto nel loro quartiere – afferma Sarra – Osservare i cantieri è un’attività che tanto appassiona gli anziani, al punto da dare origine a canzoni e ad un neologismo che entrerà nel dizionario. Spesso, però, si pone una questione di sicurezza: in più occasioni mi è capitato di vedere pensionati che rischiavano di cadere pur di affacciarsi per guardare all’interno di un cantiere. Gli anziani sono custodi dei valori della nostra società, sono la storia delle nostre città. In questo modo – conclude l’imprenditore – vogliamo valorizzarli e renderli testimoni del contesto urbano che si evolve davanti ai loro occhi”.

Sisma Abruzzo 2009

Buone notizie per la ricostruzione post-sisma Abruzzo 2009, sono stati, infatti appena trasferiti – dal Ministero dell’Economia e delle Finanze (MEF) – € 88.319.270,81, così suddivisi:

  • € 48.392.658,93 destinati alla ricostruzione privata dei Comuni appartenenti al Cratere Sismico e
  • € 39.926.611,88 destinati alla ricostruzione privata dei Comuni Fuori Cratere.

“È una magnifica notizia per il nostro territorio – commenta il sindaco di Cugnoli Lanfranco Chiola, Rappresentante dell’Area Omogenea n. 5, ed attuale Coordinatore del Tavolo di Coordinamento delle Aree Omogenee, frutto di un pregevole lavoro di squadra che vede coinvolti la Struttura di Missione di Roma – coordinata dall’ing. Fabrizio Curcio – il MEF e l’Ufficio Speciale per la Ricostruzione dei Comuni del Cratere, guidata dal Titolare ing. Raffaello Fico. Ringrazio tutti i protagonisti impegnati in questo fondamentale processo di ricostruzione, per l’importante lavoro di coordinamento svolto quotidianamente con professionalità ed impegno. È essenziale proseguire lungo questa strada – conclude il sindaco– per portare a compimento la ricostruzione privata nei nostri territori comunali e, permettere ai nostri cittadini di ritornare nelle proprie abitazioni abbandonate da quel tragico 6 aprile 2009”.

 

 

Foto di Angelo Giordano da Pixabay

fallo

Il giorno 20 novembre scorso il consiglio comunale ha votato all’unanimità un regolamento che introduce l’abbattimento degli interessi passivi sui mutui da erogare a giovani coppie che intendono ristrutturare o acquistare casa all’interno del Comune di Fallo.

Tale regolamento è rivolto sia alle coppie residenti a Fallo e sia ai nuclei familiari che intendono trasferirvi la propria residenza.

L’amministrazione comunale conscia delle difficoltà che le giovani coppie hanno ad accedere alle forme di prestito per la ristrutturazione o l’acquisizione della prima casa, ha voluto con un atto tangibile e nel limite del proprio bilancio dare un sostegno che consiste nell’abbattimento totale degli interessi passivi che graveranno sui mutui per 20 anni e fino ad un massimo di mutuo erogato di € 100.000,00.

Nel corso del dibattito è emersa la forte volontà da parte dell’amministrazione intera (maggioranza e minoranza), di dare un segnale forte e che freni il drammatico spopolamento dei nostri piccoli centri.

Questo regolamento fa seguito ad un altro regolamento parimenti votato all’unanimità di riacquisizione, anche coatta, di tutti quei beni abbandonati nel corso degli anni a causa della forte emigrazione verso l’estero che ha subito questo Comune nel primo dopoguerra.

Tale atto permetterà all’amministrazione di ridare a questi beni la propria funzione naturale a parte di essi, e ad altri di trasformarli in volano per l’economia locale, tramite il progetto “FALLO OLD SCHOOL”.

Un progetto nato dal basso proposto dalla comunità finlandese residente a Fallo, ed accolto con molto interesse dalla popolazione e dal Comune.

Questa idea ha permesso la creazione di una Comunità di Progetto di rigenerazione urbana grazie ad un bando emanato dal GAL Maiella Verde. Tale iniziativa si fregerà fra le altre della collaborazione dell’Ente Scuola Edile di Chieti che nella persona del direttore dottor Giacobbe Palmerio ha accolto con entusiasmo l’iniziativa.

Il progetto “FALLO OLD SCHOOL” consiste in una scuola di antichi mestieri per turisti per lo più provenienti dal Nord Europa e da paesi di lingua anglofona.

La scuola sarà divisa per corsi, tra cui corso di muratura con la lavorazione della pietra così come tramandato dalla tradizione locale, corso di antica tessitura, corso di coltivazione di antiche varietà ortive della zona, corso di cucina con preparazione di piatti della tradizione e vari laboratori di arte.

L’obiettivo della Comunità di Progetto è partire con una prima Summer School nel mese di giugno 2021.

Tali iniziative sono d’importanza vitale per la rinascita e la sopravvivenza di questi piccoli borghi, quindi l’amministrazione comunale sta ponendo in essere tutte le iniziative che possono supportare le idee che vengono dalla popolazione, consci che l’amministrazione partecipata sia la carta vincente per risollevare questo piccolo borgo.