Search

Category Archives: Eventi

estatica

Un caloroso pubblico e lunghi applausi per il secondo appuntamento della mini rassegna Teatriamoci di Federico Perrotta che ha visto esibirsi sul palco di Estatica 2020 presso il padiglione del Porto Turistico di Pescara un’emozionatissima Valentina Olla in Rita, un genio con lo zucchero filato in testa, una monografia brillante su Rita Levi Montalcini in cui è stata affiancata da un eccellente Marco D’Angelo.

Grande commozione ha suscitato, nel pubblico presente, la possibilità di rivivere momenti importanti della vita di una personalità illuminata come quella di Rita Levi Montalcini, neurologa, accademica e senatrice a vita italiana, Premio Nobel per la medicina nel 1986 e protagonista, appunto oggi, di uno spettacolo prodotto da Uao Spettacoli, di e con Valentina Olla e Sabrina Pellegrino che ne cura anche la regia.

Una scenografia essenziale ma ben curata ha accolto l’ironia dell’autrice intenta a scrivere seduta alla sua scrivania una monografia sulla grandezza di questa donna, mente eccelsa con la quale, alla fine, si è trovata a parlare come fosse un’amica; quella che inizialmente sembrava un’impresa impossibile poi si è concretizzata con l’incontro di queste due anime femminili, poiché come suggerisce Rita alla sua “amica”: “nella vita bisogna osare, mai rassegnarsi o arrendersi. Bisogna tenere lo sguardo verso la luce… e le ombre poi ti cadranno alle spalle”, un suggerimento che oggi ben si sposa anche con il coraggio di guardare avanti.

Molteplici le personalità illustri, anche del mondo dello spettacolo presenti alla serata, come per esempio l’attore pescarese Milo Vallone che così ha commentato questo secondo appuntamento con Teatriamoci:

Tante emozioni durante la messa in scena di Rita un genio, con lo zucchero filato in testa. E conoscendo artisti e produzione, non ne avevo dubbi.

Ciò che non mi aspettavo è stato invece il veder scaturire in me, già a metà spettacolo, il desiderio di approfondire la conoscenza di una figura così gigantesca qual è il personaggio al centro della narrazione che conoscevo solo sommariamente.

E’ uno spettacolo divulgativo e in questo ci sono tutti i rischi di una scelta narrativa che da “occasione” può diventare “trappola”. Ma così non è stato.

E’ stata invece l’occasione di uscire dalla sala contento del valore aggiunto che lo spettacolo mi ha dato. E per un teatrante seduto in platea che questo accada, è tutt’altro che scontato.

“Rita Levi Montalcini, una donna ed uno scienziato che non conoscevo nel profondo – ha dichiarato l’attore Antonello Angiolillo – Valentina Olla è riuscita a farmela apprezzare e a suscitare in me la curiosità di andare ad approfondire la figura di questa grande donna. Non conoscevo Valentina in veste di sola attrice e a lei va il mio plauso perché mi è molto piaciuta”.

“Rita, un genio con lo zucchero filato in testa” è uno spettacolo di grande spessore anche per la blogger e conduttrice radiofonica Roberta Beta:

Uno spettacolo che sintetizza la storia di un grande personaggio del ‘900 in modo brillante e ricco di spunti, soprattutto adatto ad un pubblico di tutte le età. Chiunque lo troverà interessante.

Grande spazio alla solidarietà: la serata dedicata alla figura di Rita Levi Montalcini all’interno di Teatriamoci ha sostenuto la Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori (Lilt), a Pescara presieduta dal Professor Marco Lombardo, Coordinatore della Lilt Abruzzo presente insieme al Dottor Marino Nardi, Senologo dell’Ospedale Civile di Pescara e membro del direttivo Lilt.

Il prossimo appuntamento con Teatriamoci è previsto per il 25 agosto alle ore 21.30 presso l’arena del Porto Turistico di Pescara con lo stesso Federico Perrotta, che sul palco sarà accompagnato da Claudio Insegno, che firma anche la regia, Valentina Olla e Sabrina Pellegrino impegnati in una commedia ‘sui generis’, Coppie felicemente infelici a sostegno di Ada Manes.

by Redazione
notte di vasco

Claudio Golinelli detto “Il Gallo”, Andrea Innesto detto “Cucchia”, Andrea Braido e Aberto Rocchetti sono gli ospiti dell’edizione 2020 della Notte di Vasco che si terrà il 17 agosto in piazza C. Colombo a San Salvo Marina.

L’evento, organizzato da Eventi e Servizi, è alla sua settima edizione.

Era il 2014 quando i musicisti ufficiali di Vasco salirono per la prima volta sul palco di San Salvo insieme ai Senza Resa, cover band del rocker di Zocca, che invece su quel palcoscenico si esibiscono da ben 15 anni.

“San Salvo è diventata una seconda casa per me, in quella piazza, su quel palco, ho vissuto delle emozioni forti che conserverò gelosamente nei miei ricordi – spiega Antonio Renzone, front man dei Senza Resa – quella del 17 agosto è per noi una delle serate alle quali teniamo di più. Quest’anno, a causa delle restrizioni dovute all’emergenza coronavirus, sembrava dovesse saltare e sapere che ci sarà è stato davvero tornare a sognare. Vasco in Stupido hotel si chiede dove sia la sua felicità, beh io posso dire con certezza che la mia è lì su quel palco”.

Nell’edizione di quest’anno i posti saranno limitati e gli spazi organizzati nel pieno rispetto delle normative vigenti.

La scaletta musicale spazierà dai pezzi recenti a quelli un po’ più datati. I Senza Resa, accompagnati da Rocchetti, Golinelli, Innesto e Braido, andranno a pescare le canzoni tra tutta la discografia di Vasco. Garantendo, come di consueto, note ed emozioni in perfetto stile rock.

by Redazione

Si prosegue con la magica estate di Villetta Barrea: tanti sono gli eventi previsti in questo comune dell’aquilano da sempre meta gradita soprattutto dai turisti desiderosi di godere delle meraviglie della natura nel cuore pulsante del Parco Nazionale di Abruzzo, Lazio e Molise.

In questa particolare estate 2020 la voglia di tornare a stare insieme, seppur con i dovuti accorgimenti, e di tornare a sorridere è davvero tanta; ed ecco che anche in uno dei borghi più suggestivi della regione verde d’Europa scende in piazza, è il caso di dire, con un ricco cartellone di eventi in cui si inserisce anche “Ridi, emozionati a Villetta Barrea”, una mini rassegna firmata Uao Spettacoli per permettere al pubblico di trascorrere qualche ora in allegria.

Le serate, possibili grazie anche a Comune, Pro Loco e Archeoclub di Villetta Barrea sono ad ingresso gratuito e gli spettacoli che verranno distribuiti in due location differenti avranno inizio alle ore 21.30. Sono sei gli appuntamenti in programma: si parte il 5 agosto con lo spettacolo Rita, un genio con lo zucchero filato in testa di e con Valentina Olla, una monografia brillante su Rita Levi Montalcini che verrà ospitata nell’androne di Palazzo Graziani.

Locandina rassegna

La scalinata di via Caracena, poi, sarà cornice per gli altri appuntamenti: si prosegue il 7 agosto con il cabaret di Poi ve lo dico in L’anno “00” come la farina mentre l’8 agosto, torna in scena la show girl televisiva ora attrice teatrale e cantante Valentina Olla con ‘Na vorta c’era Roma..ancora, dove il suggestivo panorama della città eterna sarà protagonista di canti, sonetti e racconti.

La magica notte di San Lorenzo, invece, sarà degnamente celebrata da un racconto con musica dal titolo La Banda con l’attore Federico Perrotta, la cui regia è di Manfredi Rutelli, l’autore è Pierpaolo Palladino, e i musicisti Vincenzo Meloccaro e Alessio Renzopaoli mentre I Carta Bianca daranno spazio al cabaret nella serata del 12 agosto con Guarda chi si rivede.

Chiude la mini rassegna il mago Alberto Alivernini con Cabaret Magico nella serata del 16 agosto.

Si ricorda che tutte le serate saranno organizzate nel massimo rispetto delle norme di sicurezza previste.

 

by Redazione
estatica

Il Porto Turistico Marina di Pescara si appresta ad ospitare il secondo appuntamento della mini rassegna curata dall’attore abruzzese Federico Perrotta Teatriamoci proprio sul palco di Estatica 2020.

Dopo il “taglio del nastro” con l’attore romano Marco Falaguasta ed il suo monologo divertente Neanche il tempo di piacersi si prosegue giovedì 6 agosto alle ore 21.30 con una monografia brillante adatta sia ad un pubblico adulto che a giovani interessati a scoprire in maniera brillante una personalità illuminata come quella di Rita Levi Montalcini, neurologa, accademica e senatrice a vita italiana, Premio Nobel per la medicina nel 1986 e protagonista, oggi, di Rita, un genio con lo zucchero filato in testa, uno spettacolo prodotto da Uao Spettacoli, di e con Valentina Olla e Sabrina Pellegrino che ne cura anche la regia, e con Marco D’Angelo.

Una giovane autrice, nella fattispecie la Olla, sta scrivendo uno spettacolo sulla vita di Rita Levi Montalcini, un’impresa quasi impossibile apparentemente: nulla sembra essere abbastanza intelligente, le parole diventano banali di fronte alla grandezza di una mente così elevata.

La scrittrice inizia così un percorso di fantasia a ritroso nel tempo nella vita della scienziata dall’ “anima imprendibile”, entrando con l’immaginazione nei panni della madre, della sorella e di Rita stessa da ragazza.

Anche per questo appuntamento, sul palco di Estatica 2020 c’è spazio per la solidarietà e non solo per l’entusiasmo con cui il teatro si riappropria delle sue emozioni: la serata dedicata alla figura di Rita Levi Montalcini, all’interno di Teatriamoci, sarà a sostegno della LILT, la Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori presieduta dal Professor Marco Lombardo; si tratta di un segnale importante proprio in un momento in cui l’unione è davvero simbolo di forza.

La parola al Professor Marco Lombardo, presidente della Lilt di Pescara, Coordinatore della Lilt Abruzzo.

“La Lega Italiana Lotta contro i Tumori (Lilt) di Pescara ringrazia Federico Perrotta, Valentina Olla e tutta l’organizzazione della Uao Spettacoli per aver scelto di dedicare alla nostra Associazione lo spettacolo che racconta, soprattutto ai più giovani, in modo leggero, e proprio per questo con maggiore forza di penetrazione, la vita di una donna, una scienziata, una ricercatrice che alla medicina ha dedicato una intera esistenza, Rita Levi Montalcini.

Ed è significativo che testimonial di questo racconto sia un’Associazione che proprio quest’anno ha lanciato nei laboratori dell’Ospedale civile di Pescara un proprio progetto di ricerca autofinanziato sui Farmaci antitumorali agnostici, per potenziare quanto più possibile la guerra contro le patologie oncologiche e fornire ai nostri sanitari nuovi e più efficaci strumenti”.

“Superata la fase clou dell’emergenza Covid-19 – ha proseguito il Presidente Lombardo – anche la Lilt sta gradualmente riprendendo le proprie attività di prevenzione oncologica che, dopo il lungo lockdown anche degli ambulatori assumono una importanza superiore: a partire da ottobre torneremo sul campo con il Nastro Rosa, con gli screening sulla mammella, gratuiti per le pazienti, una campagna che ogni anno ci consente di visitare e, quando necessario, di sottoporre a controlli ecografici, oltre 650 donne. E cercheremo anche di recuperare le visite per la prevenzione del melanoma e dei tumori cutanei, evento tradizionalmente previsto per marzo-aprile, ma quest’anno saltato per l’emergenza Covid-19, oltre che prevedere tutte le attività di promozione, divulgazione, diffusione delle informazioni per la tutela della salute che caratterizzano le nostre annualità e riprendere anche le attività laboratoriali nelle scuole con il ‘Sistema Salute – Prevenzione Oncologica’. Tante attività e iniziative che richiedono programmazione, energie e risorse, e in tal senso assumono una rilevanza strategica le raccolte fondi tese a tendere una mano alla nostra Associazione che poggia la propria attività esclusivamente sul volontariato. Anche la Lilt dunque giovedì 6 agosto sarà al Porto Turistico per rivivere il genio di Rita Levi Montalcini esprimendo il proprio ringraziamento a quanti vorranno dare il proprio contributo alla nostra Associazione”.

Le scene ed i costumi sono di Graziella Pera. Le musiche riarrangiate sono del Maestro Claudio Junior Belli, la consulenza musicale è di  Stefano Volpes.

Il disegno luci è di Marco Laudando mentre le coreografie sono curate da  Valentina Varone. La fonica è affidata a Pierangelo Ambroselli (Pro Cube Studio) mentre la progettazione video reca la firma di Mdesign.

Si ricorda che le serate sono organizzate nel pieno rispetto delle normative di sicurezza previste in seguito all’emergenza sanitaria.

I biglietti sono acquistabili su www.ciaotickets.com. Per info e prenotazioni è possibile contattare il numero 333.5001699.

by Redazione
acciano

Si terrà martedì 4 agosto , alle ore 21.15, nella piazza del Municipio di Acciano, l’evento ideato e diretto dalla pianista Sara Cecala dal titolo Il Gigante di Acciano e i racconti della Valle.

Il reading musicale sarà interpretato dall’attore (e regista) pescarese Milo Vallone, accompagnato al pianoforte dalla stessa direttrice artistica Sara Cecala, assieme ad Antonio Scolletta (al violino), a Lorenzo Scolletta (alla fisarmonica) e con la partecipazione della cantante Libera Candida D’Aurelio.

Il 18 novembre 1820, duecento anni fa, nasceva ad Acciano Giuseppe Catoni; a sedici anni era già alto due metri, e continuò a crescere fino all’età di ventiquattro anni, quando raggiunse la massima altezza di 2,25 metri. Ai tempi, era davvero un evento prodigioso, conoscendo anche le condizioni di vita generali. Il Gigante si costruì fama e gloria in tutta Europa…. 

“Questa ed altre storie curiose, inedite, divertenti e appassionate – racconta Sara Cecala (nella foto) – saranno protagoniste dell’appuntamento estivo nel piccolo borgo della valle dell’Aterno, dove la storia delle civiltà vestine e romane incontrerà l’incanto e la forza seduttiva che la natura, anch’essa omaggiata dal testo impreziosito dai componimenti della professoressa Clara Di Stefano, continua generosamente a regalarci. Sarà, infine, l’occasione per presentare la ristampa del volume di Silvio Di Giacomo, a cura dell’associazione Achillopoli di Acciano, dedicato al Gigante Catoni” conclude così la direttrice Cecala.

L’iniziativa culturale, realizzata col contributo della Fondazione Carispaq e del comune di Acciano, è ad ingresso libero. In caso di maltempo è prevista una location al chiuso.

Per info: ass.operaprima@gmail.com, oppure contattare il 329.3637552.

by Redazione
luca pompei foto di Pino Rampolla

Ricordi ed emozioni prenderanno forma nel luogo in cui è ambientato il libro del giornalista Luca Pompei

Torna ad emozionare il libro “Come gli alberi spogliati ad Aprile” del giornalista pescarese di Rete8 Luca Pompei; dopo il successo di Ostia dove l’autore è stato ospitato dal collega Rai Gianni Maritati è la volta di un nuovo appuntamento: il 5 agosto, infatti alle ore 18.00 l’autore presenterà il suo libro proprio nel luogo in cui esso prende forma, ossia a Casentino, Frazione di Sant’Eusanio Forconese (L’Aquila) in occasione della festa della Madonna della Neve che rappresenta, come viene evidenziato anche nello stesso testo, un momento di condivisione oltre che di “rinascita” per una comunità che ha voglia di tornare a vivere riscoprendo le proprie tradizioni.

Locandina evento

Ai presenti verranno offerti attimi di profonda riflessione grazie anche alla partecipazione illuminante del Professor Elpidio Valeri noto conoscitore della storia di Casentino, del sindaco Giovanni Berardinangelo e del giornalista Giustino Parisse, Il Centro; modererà l’incontro la giornalista Alessandra Renzetti, sarà presente anche l’editore di Catignano (Pescara), Alessio Masciulli, che tanto ha creduto in questo progetto letterario.

Ed è così che ancora una volta si parlerà insieme e nel pieno rispetto delle norme di sicurezza previste in seguito all’emergenza sanitaria, di come in quel 6 aprile 2009, tante certezze sono svanite nell’aquilano alle ore 3.32 con quella terribile scossa che per tanti è stata la perdita di una vita serena, per troppi la perdita della vita stessa.

Molti in quella notte hanno visto svanire i propri sogni, altri invece hanno salutato per sempre l’amore, in tanti hanno visto andare in frantumi i propri sacrifici eppure nessuno ha rifiutato le proprie origini malgrado il grande dolore, come le forti testimonianze confermano.

L’importante valutazione letteraria offerta dal giornalista Luca Pompei prosegue il suo percorso ricco di condivisione: nelle sue parole c’è la forza ed il coraggio di dare seguito al significato manifesto di un’identità mai persa di vista, e c’è quell’attenzione verso l’attesa, che si spera mai vana, di poter ridare una dignità alla propria terra d’origine.

Pompei, in questo libro, ha voluto cambiare in qualche modo direzione, esplorando il dramma del dopo terremoto, quello vissuto in un borgo alle porte de L’Aquila, appunto Casentino (frazione di S.Eusanio Forconese) che accoglierà questa testimonianza offerta da un giornalista che nelle ore successive al terremoto ha visto negli occhi delle persone il dolore, ha visto sacrifici infranti e la vita per pochi attimi fermarsi.

Attraverso un’attività di studio ed inchiesta, ha visitato questi luoghi, ha conosciuto i suoi pochi abitanti, raccolto storie ed aneddoti per poi ricamare una storia di finzione che fa da legante ad una serie di vicende e personaggi reali. Il tema principale, ovviamente, è quello di una ricostruzione sociale, al fianco di quella materiale, quasi impossibile da immaginare, ma, nonostante questo, l’estremo attaccamento per le tradizioni, le origini e la storia di questo borgo, porterà i personaggi di questo romanzo a combattere per un proprio riscatto.

Alberi spogliati ad aprile sono anche i tanti personaggi del romanzo, privati di tutto e non solo della loro casa; il loro senso di appartenenza, però, ed il profondo senso di resilienza danno, in fondo, loro quell’immagine di piccoli eroi di provincia dai quali poter prendere spunto anche in un momento così complesso per il mondo che fa i conti con le conseguenze di una pandemia.

Il libro vede anche la collaborazione dell’autore con la nota fotografa abruzzese Rossella Caldarale che ha curato la foto di copertina. Altra prestigiosa collaborazione è quella con il giovane e già pluripremiato scrittore abruzzese Peppe Millanta che per questo romanzo ha scritto una prefazione di assoluto valore.

L’appuntamento che gode del Patrocinio del Comune di Sant’Eusanio Forconese si terrà presso il Cortile degli Alloggi Estivi in via Sebastiano di Cola a Casentino (Aq).

(La foto è di Pino Rampolla)

 

 

 

by Redazione
San salvo

Dopo il successo di domenica scorsa dell’RDS Play on Tour, conto alla rovescia per gli altri appuntamenti programmati nel cartellone dell’agosto sansalvese, nati dalla collaborazione dell’associazione Senza Resa con il Comune di San Salvo.

Tre gli eventi che dall’11 al 13 agosto coinvolgeranno il centro storico e la marina con musica e cabaret.

Tutto nel rigoroso rispetto del distanziamento anti-Covid con spazi appositamente allestiti.

Il primo spettacolo sarà quello di Danilo Rea (11 agosto), jazzista di grande spessore artistico e pianista di Mina, Claudio Baglioni e Pino Daniele.

Rea è uno dei migliori pianisti italiani del settore e si è esibito con i più grandi jazzisti al mondo. Il concerto si terrà in piazza San Vitale e i posti a sedere saranno 250.

Danilo Rea

Nei due giorni successivi ci si sposterà a San Salvo Marina con Biagio Izzo (12 agosto) e LUchè (13 agosto). Posti a sedere per entrambi gli spettacoli 936.

Non ha bisogno di grosse presentazioni il comico napoletano Izzo, noto per le collaborazioni cinematografiche con Carlo Vanzina (In questo mondo di ladri), Vincenzo Salemme (Cose da pazzi) e Massimo Boldi (Matrimonio alle Bahamas e La fidanzata di papà).

Attualmente impegnato nella trasmissione televisiva Made in Sud in onda su Rai 2, il cabarettista si esibirà sul palco di San Salvo con uno dei suoi esilaranti show.

LUchè

Luchè è decisamente un artista per un pubblico più giovane. Rapper, anche lui partenopeo, molto amato dai ragazzi. Prestigiose collaborazioni con Marracash, Clementino, Sfera Ebbasta, Achille Lauro e Gué Pequeno e quattro album da solista. Testi impegnati e sound coinvolgente.

Per i tre eventi i biglietti sono ancora disponibili sul circuito CiaoTickets. Sul sito (www.ciaotickets.com) sono consultabili tutti i punti vendita dove poter acquistare.

Il messaggio della ripartenza e dello stare insieme, in piena sicurezza, risuona forte e chiaro a San Salvo.

Gli organizzatori lavorano a pieno ritmo per l’allestimento degli spazi e per garantire eventi che siano belli ma anche sicuri.

by Redazione
costa dei trabocchi

Lo scenario della Costa dei Trabocchi protagonista del video del nuovo brano di Francesco Capodaglio, dj abruzzese con esperienza trentennale nel settore.

Si gira il 30 e il 31 luglio nel tratto di costa fra San Vito e Vasto.

Con il dj, che ha da poco riattivato le sue collaborazioni in Riviera, con il Musica Riccione (ex Prince) – con serate nelle quali affianca nomi del calibro di Bob Sinclar e Albertino – nel video c’è Tanja Monies, voce ufficiale del Villa delle Rose – Peter Pan di Riccione da oltre vent’anni.

Il brano soft house si intitola Rise and Shine ed è realizzato dai produttori di musica house, Giuseppe Narciso e Luca Gerundino. Una collaborazione importante per Francesco Capodaglio che si affida dunque a nomi di rilievo del panorama house internazionale.

Giuseppe Narciso e Luca Gerundino, fra le varie attività, firmano un radio show trasmesso da svariate emittenti radiofoniche italiane.

Il video è girato dalla Ada production di Daniele Natale e Alessandro Natale e si avvale della collaborazione della Glovers events, team di ballerini, artisti e performer della nightlife, fra coreografie col fuoco e glamour.

A scattare le foto del backstage c’è il fotografo Fabrizio Di Paolo. Sue saranno le immagini di Tanja Monies che accompagneranno la diffusione del brano.

“Ho visto molti posti bui e in questo momento voglio vedere quel raggio di sole che mi fa stare bene. Apri gli occhi, è una vibrazione positiva, voglio ballare, voglio muovermi, voglio far entrare il sole, voglio alzarmi, voglio brillare, voglio iniziare la mia vita!” fra i passaggi del brano.

Per il video si cerca ancora qualche comparsa, per chi volesse, il numero di riferimento è Effeci eventi e comunicazione: 3517455030.

by Redazione

Un’etoile del Teatro dell’Opera di Roma per la prima volta sul Corno Grande, la vetta più alta dell’Appennino.

È l’evento clou della rassegna In punta di piedi tra arte e territorio, organizzata all’Asd L’Etoile in collaborazione con Art Nouveau, scuola di formazione professionale per la danza diretta da Ornella Cerroni, che comprende eventi tra la prima e l’ultima settimana di agosto e presentata all’Aquila nella sede municipale di Palazzo Fibbioni.

La performance – a beneficio solo di obiettivi ed escursionisti esperti – è in programma mercoledì 5 agosto, e vedrà Rebecca Bianchi, etoile del Teatro dell’Opera di Roma, e Simone Pergola, che cura anche la coreografia, danzare sulle dolci melodie di Mozart eseguite da Antonio Scolletta primo violino, Sara Tortoreto secondo violino, Luana De Rubeis viola, Giancarlo Giannangeli violoncello, e Gennaro Spezza al clarinetto.

La rassegna inizia domenica prossima, 2 agosto, con un suggestivo concerto in quota, a Pizzo Cefalone, che nonostante sia di facile raggiungibilità anche per i meno esperti regala un panorama mozzafiato.

Su quella che è la cima più alta della dorsale occidentale del Gran Sasso, a 2.533 metri di quota, sulle note del Canone di Pachelbel e Mozart eseguite da Antonio Scolletta primo violino, Sara Tortoreto secondo violino, Luana De Rubeis viola e Giancarlo Giannangeli violoncello, danzerà Sabrina Montanaro del Teatro Massimo di Palermo. Le coreografie sono di Pergola.

Un appuntamento che con le sue caratteristiche inedite – mai prima d’ora un concerto-spettacolo è stato realizzato a Pizzo Cefalone – promette grandi emozioni.

Il primo di una piccola serie che prosegue con la performance – sul Corno Grande e con altri due appuntamenti.

Il primo è una passeggiata musicale che si dipanerà tra il centro storico dell’Aquila, nei cortili dei palazzi Di Paola, Cappa-Cappelli e Cipolloni, tutti lungo Corso Vittorio Emanuele II, e il cortile del Castello Rivera, a San Sisto, generosamente aperto dalla famiglia proprietaria, in programma domenica 23 agosto.

Le coreografie, per la parte classica e neo classica sono del maestro Simone Pergola e per la parte di contaminazione del maestro Alessio Colella.

Il secondo, l’indomani, lunedì 24 è con il Gran Galà di Danza che vedrà protagonista nuovamente Rebecca Bianchi. In questo le coreografie sono di Pergola e Colella.

 

Rebecca Bianchi

Il progetto è stato messo a punto da Ornella Cerroni e dal maestro Gennaro Spezza, tra i quali è oramai consolidata la collaborazione artistica: “Siamo amanti della montagna”, hanno detto stamattina in conferenza stampa a Palazzo Fibbioni, “quale idea più bella, se non quella di unire le arti della musica e della danza sul nostro territorio montano e non solo”.

“L’organizzazione degli eventi in quota ha avuto un lungo percorso preparatorio non facile da realizzare”, hanno spiegato. “Ci sono voluti due anni di preparazione, tra simulazioni, sopralluoghi, prove d’acustica e soprattutto il consenso della Prima ballerina del Teatro dell’Opera di Roma che attirerà l’attenzione dando ancora più prestigio al progetto di valorizzazione del territorio del Gran Sasso”.

“Le difficoltà per i musicisti sono notevoli perché in quota gli strumenti rispondono in modo diverso”, ha fatto osservare il maestro Spezza, “e anche l’estrema variabilità delle condizioni meteo rappresenta una difficoltà”.

Presenti in conferenza stampa anche il maresciallo Francesco Mastropietro e il brigadiere Leucio Giusti, del Soccorso alpino della Guardia di Finanza diretto dal comandante Paolo Passalacqua, grazie al cui prezioso contributo sarà possibile realizzare la straordinaria performance in quota.

I due hanno ribadito l’importanza, per il pubblico, di recarsi in quota solo se adeguatamente equipaggiati e fisicamente attrezzati: “Non bisogna avventurarsi e occorre utilizzare un abbigliamento tecnico adeguato”, hanno detto.

Per informazioni e prenotazioni si può contattare il 393-9895396 o scrivere a comunicazioneletoileaq@gmail.com.

by Redazione
ecomob

In arrivo la terza edizione di Ecomob, l’unico expo di cultura eco sostenibile del centro-sud Italia.

L’appuntamento è nello spazio espositivo del Marina di Pescara dal 4 al 6 settembre, per tre giorni di mobilità sostenibile, cicloturismo, ecologia ambientale.

Non casuale la scelta del luogo: il Marina di Pescara è infatti uno dei migliori porti ecosostenibili d’Italia, premiato con Le Stelle Blu del Mediterraneo proprio in occasione della prima edizione di Ecomob nel 2018.

L’evento è in compartecipazione con Camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura Chieti-Pescara.

L’edizione 2019 ha fatto registrare più di 10mila visitatori nell’arco dei tre giorni di fiera, con 40 espositori provenienti anche dall’estero, più di 100 brand presenti fra istituzioni, commercio e servizi, 5 workshop dedicati a ecomobilità, economia circolare, cicloturismo.

Diversi poi gli incontri con ospiti ed esperti del settore.

“In un anno così, confermare lo svolgimento dell’expo è allo stesso tempo una sfida e una soddisfazione – commenta Gianluca Giallorenzo, responsabile marketing di Ecomob – Vuol dire aver lavorato bene negli anni precedenti, ricevere la fiducia da parte di chi sostiene l’evento e degli espositori, che anche quest’anno arriveranno da tutta Italia. Non da meno il rilievo per la città di Pescara di ospitare non solo l’unico expo di cultura eco sostenibile del centro-sud Italia ma anche uno dei pochi eventi tematici confermati quest’anno”.

In occasione della tre giorni sarà inoltre possibile effettuare test di guida dei mezzi esposti, fra auto elettriche, e-scooter, e-bike.

Gli abitacoli delle auto, inoltre, grazie alla partnership con un’azienda specializzata, saranno sanificati tra un test e l’altro per garantire la massima sicurezza.

L’appuntamento è patrocinato dal ministero dell’Ambiente e dello sviluppo economico, oltre ad Abruzzo – Made in nature, made in Italy, Città di Pescara, Confindustria Chieti-Pescara, Elettricità futura-Imprese elettriche italiane, Cna Abruzzo, Anci Abruzzo, Touring Club Italiano. Main sponsor sono Scame elecritcal solutions, Mario De Ecco-Dynamic workwear, Edimac macchine stradali. Partner: Fiab-Pescarabici, Legambiente, Vaielettrico.it, Motus-E, D’Angiolella dinamica.

by Redazione