Search

Category Archives: Economia

imprese

E’ stato siglato nei giorni scorsi a Teramo l’accordo di collaborazione tra FenImprese Pescara e Chieti e ItalConfidi, con sede a Teramo.

Una nuova convenzione che porterà benefici significativi alle imprese associate. Grazie a questa partnership, infatti, gli associati a FenImprese Pescara e Chieti avranno accesso in forma agevolata e diretta ai servizi creditizi di ItalConfidi.

Questa nuova collaborazione arricchisce in modo significativo il supporto alla crescita e allo sviluppo imprenditoriale e porterà vantaggi tangibili alle imprese associate, consentendo loro di accedere a risorse finanziarie per investimenti, sviluppo ed espansione.

ItalConfidi è una struttura finanziaria con sede a Teramo che opera nelle quattro provincie abruzzesi e sull’intero territorio nazionale. Come confidi di prossimità è costantemente al fianco degli imprenditori in tutto il percorso di finanziamento.

“Abbiamo concluso questa importante convenzione con ItalConfidi, che abbiamo scelto per la grande vicinanza alle imprese. Una realtà in grado di essere accanto agli imprenditori in tutto il percorso di un finanziamento, con tutte le agevolazioni che un confidi contiene, ma che saranno ancor più amplificate dalla partnership con noi di FenImprese”, ha detto il presidente di FenImprese Pescara, Mario Fagioli, accompagnato a Teramo anche dal presidente di Chieti, Nunzio Gagliardi, dal direttore Paolo Capozucco e Federazione Nazionale Imprese – Industria – Sanità – Turismo, sede di Pescaradall’avvocato Arianna Di Pietro, prossima presidente della nascente sede di FenImprese L’Aquila.

“Il ruolo dei Confidi è fondamentale per la crescita delle piccole e medie imprese – le parole del presidente di FenImprese Chieti, GagliardiL’accordo sottoscritto con ItalConfidi andrà sicuramente verso questa direzione ma nel contempo ritengo molto importante il sostegno delle politiche regionali verso il rafforzamento patrimoniale degli stessi Organismi di garanzia”.

Lo scopo principale del nostro confidi è proprio quello di dare accesso al credito a imprese e professionisti, tutte le cosiddette Partita Iva: possiamo fare finanziamenti, con garanzie, fino a 500mila euro. Attraverso le banche convenzionate, possiamo fare queste operazioni. Il nostro obiettivo è quello di allargare la base associativa, e con il protocollo d’intesa sottoscritto con FenImprese ancora di più il nostro scopo è quello di portare nuovi soci. Operiamo in Abruzzo su tutte e quattro le province, dal 1977”, ha detto l’amministratore delegato di ItalConfidi, Claudio Rozzi.

Alessandro Bartolini, della sede ItalConfidi di Teramo: “La cosa fondamentale è che noi gestiamo, per conto di enti pubblici, nello specifico Regione, Mimit e Mef diverse forme agevolative di fondi rischi, che servono a garantire i finanziamenti alle imprese e che sono di nostra diretta gestione. La nostra è una funzione economica, ma anche sociale”.

ItalConfidi è attiva da 40 anni sul territorio e ha sedi aperte anche all’Aquila, Avezzano e Città Sant’Angelo. “Cercheremo di agevolare l’accesso al credito agli associati di FenImprese facendo pagare il meno possibile e cercando una soluzione tra i nostri istituti di credito convenzionati sul territorio, cerchiamo di accompagnare il cliente in tutte le fasi dell’operazione, e anche nelle fasi successive. Cerchiamo di stabilire un rapporto personale con i clienti che diventano poi nostri associati, un rapporto che vada oltre la mera offerta del servizio. Siamo a disposizione per dare il cento per cento ad ognuno dei nostri clienti”, ha detto Monia Panaccia della sede ItalConfidi di Città Sant’Angelo.

by Redazione

OttoPuntoZero è stata inserita nella speciale classifica FT 1000 – Fastest-growing companies del Vecchio Continente, stilata annualmente dal noto giornale economico

Spoltore. Parla anche abruzzese l’ultima classifica europea del Financial Times, nella quale vengono presentate le aziende con il maggior tasso di crescita annuale.
OttoPuntoZero, azienda specializzata nell’arredo bagno che si divide tra Abruzzo e Puglia, è stata infatti recentemente insignita di prestigiosi riconoscimenti che attestano la sua posizione di leader nel settore.
Il Financial Times ha inserito OttoPuntoZero tra le aziende in maggiore crescita in Europa nell’ottava edizione della classifica FT 1000 relativa al 2024. Nella stessa classifica l’azienda compare come prima in Abruzzo e Puglia nel Vecchio Continente per il settore dell’arredo bagno. Questo riconoscimento sottolinea il costante impegno e la determinazione di OttoPuntoZero nel fornire prodotti e servizi di alta qualità, ottenendo un notevole successo sia sul mercato nazionale che internazionale.
Inoltre, l’azienda ha ricevuto il titolo di “Leader della Crescita” da ilSole24Ore, altro prestigioso giornale economico, confermando il suo ruolo di protagonista nel segmento relativo all’arredamento bagno. La costante ricerca di innovazione che caratterizza il team di OttoPuntoZero, nata a fine 2016 dall’intuizione di due amici, è stata fondamentale per ottenere tale importante titolo.
Oltre ai due prestigiosi riconoscimenti, OttoPuntoZero ha infine ricevuto la denominazione di “Stella del Sud”, conferita alle aziende del Sud Italia che si distinguono per la creazione di valore e l’eccellenza nel loro settore. Questo premio conferma il ruolo di leadership e l’impegno di OttoPuntoZero nel contribuire allo sviluppo economico e sociale del Mezzogiorno.
In pochissimi anni, attraversati anche dal periodo della pandemia, OttoPuntoZero ha rapidamente conquistato il mercato grazie alla sua gamma innovativa e completa di prodotti per il bagno.
«Le due anime dell’azienda, salentina e abruzzese, si fondono alla perfezione nei valori che portano avanti il nostro progetto – spiega Paolo Ricotta, Ceo di OttoPuntoZero – La dedizione al servizio e la comprensione delle esigenze dei clienti sono valori fondamentali che guidano l’azienda nella sua missione di offrire la migliore esperienza possibile. La filosofia di OttoPuntoZero è incentrata sulla sostenibilità ambientale, con un impegno costante per favorire l’acquisto di prodotti innovativi dal punto di vista del risparmio idrico e per ridurre l’impatto ambientale attraverso l’uso di imballaggi riciclabili e plastic-free.
OttoPuntoZero continua a crescere e a consolidare la propria posizione nel mercato dell’arredo bagno, grazie alla dedizione e all’impegno del suo team. L’azienda guarda al futuro con fiducia, pronta a perseguire i propri obiettivi come l’innovazione dell’intero settore».

by Francesco

La società è al primo posto in Europa, Regno Unito e Svizzera nella categoria “Advertising & Marketing” per fatturato nella graduatoria pubblicata dal quotidiano economico

Pescara. Il Financial Times incorona Pomilio Blumm come società leader per fatturato nell’ottava edizione della “FT 1000 Europe’s Fastest Growing Companies” nella categoria “Advertising & Marketing” in 35 Paesi, da quelli UE al Regno Unito, fino alla Svizzera. La società mantiene ben saldo il primato nell’ambito della comunicazione istituzionale e balza al comando della sezione che la vedeva al sesto posto nella precedente edizione. Nella graduatoria del quotidiano economico, stilata in collaborazione con Statista, istituto tedesco leader nella certificazione dei dati economici, Pomilio Blumm ha registrato un tasso di crescita assoluto del 215,5% e un CAGR (Compound Annual Growth Rate) del 46,7%. Quello del fatturato non è l’unico primato conquistato dall’impresa italiana nella classifica del Financial Times. Difatti la società guidata da Franco Pomilio è anche quella col più “antico” anno di fondazione rispetto ai competitor del settore adv.
«Abbiamo confermato un tasso di crescita importante nel tempo, grazie anche ai costanti investimenti in ricerca e sviluppo fatti in questi anni. Manteniamo percentuali di crescita tipiche delle start-up pur essendo una realtà “storica” del settore. Vogliamo proseguire il nostro percorso evolutivo anche in vista degli importanti incarichi che ci attendono quest’anno, a cominciare dall’organizzazione del G7», spiega Franco Pomilio.
Il 2024 si profila come un nuovo anno straordinario per Pomilio Blumm, che ha conquistato nuovi bandi, in Italia e non solo, per 97 milioni di euro. Dagli eventi per la Commissione Europea alle campagne di comunicazione per le istituzioni internazionali, nei primi due mesi dell’anno sono numerose le commesse vinte dall’impresa che si gode anche il primato stabilito dal Financial Times.
«Siamo tra le imprese in maggiore crescita d’Europa e siamo quella da più tempo sul mercato. Questo doppio, straordinario risultato ci spinge a migliorare ancora», aggiunge Franco Pomilio, «e per farlo stiamo potenziando i nostri reparti chiave con nuovi ingressi in vari ruoli, nella sede centrale e negli uffici diffusi sul territorio per i quali abbiamo avviato una campagna di selezione del personale anche per la prossima struttura che accoglierà il nostro quartier generale sul quale ci saranno molte sorprese volte a garantire una migliore qualità della vita».

by Francesco

Chieti. Una catartica satira 4.0, a velocità 5G, per dare vita a urticanti e divertenti situazioni surreali: il giornalista romano Federico Palmaroli, con le sue #lepiubellefrasidiosho, in scena a Chieti. L’appuntamento è per il prossimo 25 maggio, alle ore 21:00, al Teatro Marrucino. I biglietti sono già disponibili su CiaoTickets. Lo spettacolo rientra nell’ambito della seconda edizione del ConfArte Festival, promosso da ConfArte, categoria Cultura, Turismo e Spettacolo di Confartigianato Chieti L’Aquila. L’edizione 2024 è finalizzata a celebrare i 70 anni dell’associazione di categoria. Per tre giorni, dal 24 al 26 maggio, il festival animerà Chieti, con numerosi eventi: concerti, convegni, mostre, dibattiti, show cooking e street food.

Uno degli appuntamenti principali è proprio quello con Federico Palmaroli che, decontestualizzando le immagini, catturate dal flusso mediatico tramite tagli originali, attribuisce irriverenti battute ai loro eminenti protagonisti. Sono irresistibili carrellate di personaggi della politica, del costume, dello sport e della spiritualità che si esprimono con un linguaggio “da strada” e che proprio per quel senso del contrario innescano meccanismi del tutto esilaranti. Il successo, inizialmente misurato a colpi di “mi piace”, deve la sua fortuna ad un sottotesto drammaturgico che restituisce sempre qualcosa di estremamente aderente alla realtà dei fatti, alla loro attualità, e sovente alla loro crudeltà.

Dal vivo, in scena sul palco, Federico Palmaroli fa sfilare una dopo l’altra le scoppiettanti vicende di questi ultimi anni, immagini e parole s’accoppiano in una catartica satira 4.0, a velocità 5G, anzi alla velocità della luce. Per contraltare la velocità del suono è affidata ai Furano Saxophone Quartet (Antonio Bruno, sax soprano; Matteo Quitadamo, sax alto; Alberto Napolitano, sax tenore; Marco Destino sax baritono), giovane quartetto di musicisti particolarmente sensibile ai temi della contemporaneità. L’ensemble, spingendo l’acceleratore su fatti e personaggi in scena, interpreta alcuni brani che dialogano alla perfezione con i toni di questa parata semiseria. Lo spettacolo di Palmaroli è a cura di Corvino Produzioni.

Nata nel 2019, la categoria ConfArte è uno dei primi esperimenti di questo tipo lanciati in Italia nell’ambito del mondo Confartigianato. L’obiettivo è quello di promuovere lo sviluppo delle potenzialità culturali, turistiche ed attrattive delle province di Chieti e L’Aquila e, più in generale, dell’Abruzzo. Consapevole di questa mission, Confartigianato Imprese Chieti L’Aquila ha deciso di promuovere il “ConfArte Festival” che, giunto alla sua seconda edizione, quest’anno va in scena in grande stile in occasione del 70° anniversario dell’associazione. Tante le sorprese e gli appuntamenti, che verranno svelati nelle prossime settimane.

I biglietti per #lepiubellefrasidiosho di Federico Palmaroli sono in vendita sul circuito CiaoTickets.

by Francesco

L’agenzia di comunicazione istituzionale leader del settore conferma la distribuzione di un terzo degli utili e si prepara a donare nuove fotocamere al Parco Nazionale d’Abruzzo dopo i visori usati per monitorare i cuccioli dell’orsa Amarena. Nel 2024 la grande sfida del G7

Pescara. Un bonus straordinario per condividere i successi del 2023 col personale e un aiuto concreto al Parco Nazionale d’Abruzzo. Sono due i doni con i quali la Pomilio Blumm ha voluto chiudere l’anno caratterizzato da successi e riconoscimenti con nuove importanti commesse conquistate a livello internazionale. Da gennaio l’agenzia di comunicazione istituzionale erogherà 1.300 euro come bonus welfare aggiuntivo ai dipendenti e ai collaboratori, distribuendo un terzo dell’utile netto in maniera orizzontale come stabilito dall’iniziativa Blumm Share. La conferma è arrivata all’Aurum, luogo iconico della famiglia Pomilio nel quale si sono ritrovati gli oltre 200 componenti del gruppo che si preparano alla grande sfida del G7 nel 2024 in Italia, che vivrà un evento prestigioso a Pescara con il meeting su cooperazione e sviluppo annunciato dal ministro degli Esteri, Antonio Tajani.

«Vogliamo continuare il nostro percorso di crescita che è stato celebrato di recente anche dalle classifiche internazionali di settore come ICCO (International Communications Consultancy Organisation) che ci ha indicato come prima società al mondo per tasso di crescita, e da riviste come Forbes. Vogliamo dare al tempo stesso un contributo concreto anche all’ambiente e in particolare al nostro territorio», ha spiegato Franco Pomilio, presidente di Pomilio Blumm, «e per questo, oltre alla distribuzione di un terzo degli utili a dipendenti e collaboratori abbiamo introdotto misure di “smart living”, come i due giorni settimanali di smart working o l’orario flessibile, per venire incontro alle esigenze della nostra comunità, senza dimenticare i programmi di formazione nazionale e internazionale».

Nel corso dell’anno, come annunciato nei mesi scorsi, è stato acquistato grazie al contributo dei dipendenti di Pomilio Blumm integrato dalla proprietà della società, un visore notturno per il Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise, utilizzato per le attività di cattura degli orsi in free ranging. Con questo strumento è stato possibile individuare due orse confidenti, Licia e Petra, attualmente monitorate con il radiocollare. Inoltre, dopo la morte dell’orsa Amarena, il visore notturno è stato impiegato per il monitoraggio a distanza dei due cuccioli rimasti orfani.

«Ringraziamo i dipendenti della Pomilio Blumm per l’attenzione che hanno dimostrato alla conservazione dell’orso bruno marsicano che fa parte della nostra stessa identità – ha dichiarato in un messaggio il Direttore del Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise, Luciano Sammarone -. La Natura ha bisogno della cura e del rispetto di ognuno di noi e il contributo per gli strumenti utili al monitoraggio di specie emblematiche è importante». Per il 2024 invece si provvederà all’acquisto di fototrappole per il monitoraggio faunistico e le attività di polizia giudiziaria.

L’inizio dell’anno si presenta ricco di sfide per Pomilio Blumm che, oltre alla gara da 13 milioni di euro per gli incontri dei ministri del G7, si è vista confermare l’organizzazione del forum delle banche centrali organizzato dalla Bce a Sintra, in Portogallo. Oltre a questo verrà potenziata l’attività di formazione con la nuova edizione del Master dell’Università di Chieti-Pescara di I Livello in “Economia comportamentale e neuromarketing per le aziende e le istituzioni” e la summer school sulla comunicazione istituzionale in collaborazione con l’ateneo di Maastricht che, dopo la prima edizione di Bruxelles, si svolgerà a Pescara in estate.

Francavilla

Dopo l’apertura nei mesi scorsi a Pescara, FenImprese cresce in Abruzzo e apre anche nella Provincia di
Chieti. Si terrà venerdì prossimo, 24 novembre, all’Hotel Villa Maria di Francavilla al mare, l’Assemblea costituente di FenImprese Chieti.

L’inizio dei lavori è fissato per le ore 18. Il neopresidente Nunzio Gagliardi, assieme al presidente di FenImprese Pescara, Mario Fagioli, al presidente nazionale Luca Mancuso, al coordinatore nazionale Simone Razionale, al coordinatore provinciale Paolo Capozucco, al consigliere provinciale Franco Audisio, e agli illustri relatori dell’evento Stefano Cianciotta (Fira spa), Alfredo Castiglione (Ramses Group), Fabio Scacciavillani (economista) e Pierlorenzo Costa (UCA Assicurazione spa), dalle ore 16,30, nell’apposito spazio riservato ai media allestito nell’Hotel Villa Maria, saranno lieti d’incontrare i rappresentanti dell’informazione per presentare la nuova realtà e i progetti di FenImprese sul territorio abruzzese (è già in cantiere anche l’apertura all’Aquila).

All’Assemblea costituente, che verrà moderata dalla giornalista Mila Cantagallo, prenderanno l’assessore regionale alle Attività Produttive, Daniele D’Amario, il sindaco di Francavilla, Luisa Russo, il presidente della Provincia di Chieti, Francesco Menna, e il Rettore dell’Università “d’Annunzio”, Liborio Stuppia

Pescara. L’organizzazione delle riunioni del G7 è stata affidata alla Pomilio Blumm. La società pescarese si è infatti aggiudicata il lotto 2 della gara da 13 milioni di euro per i servizi di progettazione, organizzazione, allestimento e gestione degli incontri dei ministri dei grandi della Terra.

Una vetrina prestigiosa, dinanzi ai rappresentanti dei Governi di Italia, Canada, Francia, Germania, Giappone, Regno Unito, e Stati Uniti, che non è nuova per l’azienda guidata da Franco Pomilio. Nel 2021 l’agenzia di comunicazione istituzionale ha infatti curato l’organizzazione delle riunioni del G20 (tra queste quella iconica a Roma, al Colosseo, riaperto per l’occasione dopo un lungo restauro) e già nel 2017 aveva seguito le attività del G7 per cultura, ambiente, agroalimentare e pari opportunità.

Non sono state ancora svelate le città che ospiteranno in Italia i singoli vertici: i summit coinvolgeranno una dozzina di delegazioni tra componenti del G7, dell’Unione Europea e di altri Paesi e Organizzazioni Internazionali. Il nuovo incarico conferma pertanto le capacità della Pomilio Blumm di gestire riunioni internazionali di altissimo livello, come ad esempio il forum delle banche centrali organizzato dalla BCE a Sintra, in Portogallo.

«Siamo pronti ad affrontare questa nuova sfida per il prossimo anno», spiega Franco Pomilio, presidente di Pomilio Blumm, «dopo aver raggiunto grandi traguardi nel 2023 con attività in tutto il mondo che stanno accompagnando il processo di espansione dell’agenzia a livello internazionale col potenziamento di molti uffici aperti all’estero, per i quali stiamo attivando ricercando nuove figure professionali».

Pur mantenendo salde le radici in Abruzzo, a Pescara, l’agenzia si sta sviluppando in Africa, America e Asia attraverso il suo network internazionale e ha avviato nuove selezioni di personale per seguire gli incarichi conquistati negli ultimi mesi, che hanno consolidato la leadership nel segmento della comunicazione istituzionale. I risultati record della società sono stati fotografati dalle classifiche di Financial Times e Sole 24 Ore o di ICCO (International Communications Consultancy Organisation) per la quale Pomilio Blumm è la prima società al mondo per tasso di crescita grazie all’incremento del 65% dei ricavi.

Chieti. “Cosa resta della rivoluzione di Sergio Marchionne”: questo il titolo dell’evento promosso da Confartigianato Imprese Chieti L’Aquila. Nel corso dell’incontro verrà presentato l’omonimo libro di Tommaso Ebhardt, alla presenza dell’autore, che dialogherà con chi ha conosciuto da vicino Marchionne. L’iniziativa sarà moderata dal professor Massimo Pasqualone.
L’appuntamento è per sabato 29 luglio, alle ore 21, a cinque anni esatti dalla scomparsa di Marchionne. L’evento si svolgerà nel Teatro Giardino “F. Sanvitale” di Palazzo de’ Mayo, a Chieti.
L’iniziativa, organizzata in collaborazione con la Fondazione Banco di Napoli e con il Rotary Club Chieti, si svolgerà contestualmente alla Notte Bianca dello Sport, promossa dal Comune di Chieti e dal Coni. L’ingresso è libero, fino al raggiungimento dei posti disponibili.

by Francesco

Il ranking annuale dell’International Communications Consultancy Organisation incorona l’agenzia Pomilio Blumm nella fascia di fatturato superiore a 30 milioni di dollari

Pescara. La prima società al mondo per tasso di crescita secondo la classifica annuale di ICCO è abruzzese. La Pomilio Blumm, agenzia di comunicazione istituzionale, guida difatti la graduatoria stilata dall’International Communications Consultancy Organisation composta da 40 associazioni che rappresentano 82 Paesi in tutto il mondo e oltre 3.000 società di pubbliche relazioni. Pomilio Blumm, commenta il sito specializzato PRovoke che ha pubblicato i dati di ICCO, ha raggiunto questi risultati grazie alla capacità di aggiudicarsi incarichi a livello internazionale che hanno portato a chiudere i bilanci con dati estremamente positivi. La società si conferma così azienda in crescita a livello internazionale. Il Financial Times, uno dei più autorevoli quotidiani economici del mondo, nei mesi scorsi aveva inserito l’agenzia di comunicazione pescarese nella classifica sulle imprese migliori in Europa.
«Abbiamo raggiunto cifre di crescita simili alle start-up pur essendo un’azienda “storica” presente da molto tempo sul mercato. Proprio per questo riteniamo necessario continuare a investire in ricerca e innovazione per intercettare le tendenze future della comunicazione», spiega Franco Pomilio, presidente di Pomilio Blumm.
Nello specifico, l’agenzia ha fatto segnare un incremento dei ricavi del 65% sul 2021, con un miglioramento delle performance aziendali (in particolare incremento dell’Ebitda e dell’indice di patrimonializzazione). L’utile d’esercizio è più che triplicato rispetto al 2021, con un ulteriore sviluppo nel mercato internazionale ed extra europeo dove Pomilio Blumm già opera con 25 contratti, attualmente in portafoglio, dall’America Latina all’Africa, dall’area balcanica caucasica a quella orientale, in particolare nella zona del sub continente indiano. Da questa base solida con incarichi pluriennali l’agenzia punta a crescere ulteriormente nei prossimi anni nei ranking nazionali e internazionali, grazie anche a una marcata capacità di gestire summit di alto profilo come quelli recentemente organizzati a Sintra, in Portogallo, per la Banca Centrale Europea o a Bruxelles, dove si è svolto il vertice tra l’Ue e la Comunità degli Stati latinoamericani e caraibici (Celac) al quale hanno preso parte 48 capi di Stato e di governo, più i vertici delle istituzioni europee.

by Francesco
Cna Abruzzo

Dati preoccupanti per il credito alle famiglie in Abruzzo e Molise. Stando all’elaborazione della Fabi (Federazione autonoma bancari italiani), su dati della Banca d’Italia, ammontano complessivamente a 372 milioni di euro le sofferenze, le rate scadute e le inadempienze probabili di cui 84 milioni nella provincia di Pescara e 87 in  quella di Teramo. Scendendo nel dettaglio, solo per le sofferenze l’importo complessivo, in Abruzzo e Molise che comprende credito al consumo, mutui e altri prestiti, ammonta a 137 milioni di euro di cui 31 nella provincia di Pescara e 32 in quella di Teramo. Le inadempienze probabili invece per le tre categorie fa salire il conto di 177 milioni di cui 40 per la provincia di Pescara e 41 per quella di Teramo mentre per le rate scadute l’importo complessivo è di 58 milioni di cui 13 nella provincia di Pescara e  14 in quella di Teramo.

«Dati allarmanti – spiega Carlo Cericola coordinatore Fabi Pescara e Teramo – le difficoltà delle famiglie riguardano soprattutto i mutui a tasso variabile particolarmente colpiti dall’aumento del costo del denaro passato da 0 a 4% in 11 mesi, inoltre la Bce ha preannunciato un ulteriore aumento del tasso base al 4,25%  il 27 di luglio».

Per quanto riguarda i nuovi mutui, le rate di quelli a tasso fisso sono destinate a raddoppiare nel corso del 2023, le rate dei mutui in essere a tasso variabile sono cresciute fino al 75% in più: vuol dire che chi pagava una rata di circa 500 euro al mese, oggi paga, al mese, 875 euro ovvero 375 euro in più; è molto probabile che, alla luce della decisione della Bce, le rate dei vecchi mutui a tasso variabile possano salire ancora.

La situazione in Abruzzo e Molise da questo punto di vista è particolarmente delicata perché presenta dei dati di forte impatto a fronte di un reddito pro capite inferiore alla media nazionale. In Abruzzo e in Molise le cifre mostrano dati su prestiti per 5 miliardi 785 milioni di euro nella provincia di Teramo con una crescita del 4.3 % nei dodici mesi e di 5 miliardi 599 milioni invece su Pescara con una crescita dello stock pari all’1.5% nei dodici mesi.

 

Abruzzo e Molise Credito al Consumo Mutui Altri Prestiti Totali
Sofferenze 33 67 37 137
Inadempienze Probabili 43 76 58 177
Rate Scadute 30 16 12 58
Totali 106 159 107 372

Dati in milioni di euro, riferiti a marzo 2023 (Elaborazione Fabi su statistiche Banca d’Italia)

 

Province 2020 2021 2022 Dic 2021 Dic 2022
 L’Aquila            3.603            3.745            3.787 4,3% 2,5%
 Teramo            5.561            5.617            5.785 2,3% 4,3%
 Pescara            5.597            5.599            5.599 2,0% 1,5%
 Chieti            6.367            6.084            6.143 -2,4% 2,4%
 Totali        21.128        21.045        21.314 1,1% 2,7%

PRESTITI – Dati in milioni di euro Fonte dati Banca d’Italia

 

Dati in milioni di euro, riferiti a marzo 2023

by Francesco
1 2 3 7