Search

Category Archives: Turismo

Salle

Si è svolto, presso la sala consiliare del Comune di Salle, l’incontro fra amministrazione comunale e vertici del Parco Nazionale della Majella.

Nell’occasione, il sindaco Davide Morante, accompagnato dal suo vice Claudio Fonzo, ha incontrato Lucio Zazzara e Luciano Di Martino, rispettivamente presidente e direttore dell’Ente Parco, per una preliminare discussione sulle potenzialità del borgo e del proprio territorio e sulla possibilità di messa a sistema e valorizzazione delle tante emergenze architettoniche, urbanistiche, storiche, antropologiche e ambientali endogene.

Il Comune aveva precedentemente elaborato una proposta integrata, denominata Sallis Castrum, base di discussione finalizzata a  individuare e sviluppare congiuntamente politiche di tutela e di sviluppo del proprio territorio in grado di recuperare tutte le potenzialità fin ora non opportunamente espresse nel rapporto istituzionale tra Parco e Comune.

La proposta si articola in 12 interventi puntuali fra loro intimamente connessi:

  • l’insediamento di un presidio del Parco,
  • la valorizzazione di un edificio pubblico energeticamente autosufficiente,
  • il recupero di edilizia pubblica a fini ricettivi,
  • la realizzazione di una piattaforma paesaggistica e di due parchi ludico-didattici,
  • un sistema informativo di lettura del territorio,
  • il recupero monumentale di edilizia storica,
  • l’implementazione della rete sentieristica,
  • la creazione di un polo culturale,
  • il recupero dell’antico mulino comunale sul fiume Orta.

“Siamo convinti”, ha dichiarato il sindaco Davide Morante, “che una condivisione degli obiettivi ed il recupero di una naturale sinergia siano non solo un obbligo morale e politico, ma anche l’indispensabile premessa per avviare nuove strategie per Salle, paese che per la sua collocazione territoriale, per il suo patrimonio naturalistico, culturale e artistico, ma anche per il fatto di essere parte integrante del Parco Nazionale della Majella – al cui ambito territoriale contribuisce con l’85% del proprio territorio di competenza interamente protetto -. L’intento è quello di perseguire un deciso recupero del naturale ruolo del nostro borgo nei processi di sviluppo dell’intera area protetta mediante la valorizzazione delle proprie peculiarità naturalistiche nella creazione di una rete locale funzionale ad un’oculata incentivazione dell’economia turistica”.

“L’obiettivo perseguito dalla nostra Proposta di Attivazione e Valorizzazione Integrata di Servizi Sostenibili fra Parco Nazionale della Majella e Comune di Salle”, conclude il sindaco, “riannodando le fila di un percorso la cui meta era costituita da un ottimale utilizzo della propria ‘RetedelleEmergenze’, ovvero di quel compendio tanto importante quanto disarticolato di strutture, infrastrutture, emergenze ambientali e naturalistiche, eccellenze paesaggistiche e storico-architettoniche, che nel corso degli anni hanno contribuito a determinare l’attuale fisionomia del nostro centro, è quello della creazione di un Sistema Integrato ripercorrendo la storia del borgo alla ricerca del suo genius loci. Oggi più che mai ci sono tutte le condizioni per riattivare tale importante processo di sviluppo”.

by Redazione
Giornate FAI

Tornano le Giornate FAI d’Autunno che quest’anno saranno dedicate a Giulia Maria Crespi, scomparsa lo scorso luglio.

Mille aperture a contributo libero in 400 città in tutta Italia, organizzate per la prima volta in due fine settimana, sabato 17 e domenica 18, sabato 24 e domenica 25 ottobre.

Anche quest’anno promotori e protagonisti sono i Gruppi FAI Giovani, ideali eredi e testimoni dei valori che per tutta la vita hanno guidato la fondatrice e presidente Onoraria del FAI – Fondo Ambiente Italiano: l’inesauribile curiosità, la voglia di cambiare il mondo e l’instancabile operosità per un futuro migliore per tutti.

Ispirandosi a lei, i giovani del FAI – con la collaborazione delle Delegazioni e degli altri Gruppi di volontari della Fondazione – scenderanno in piazza per “seminare” conoscenza e consapevolezza del patrimonio di storia, arte e natura italiano e accompagneranno il pubblico, nel pieno rispetto delle norme di sicurezza sanitaria, alla scoperta di luoghi normalmente inaccessibili, poco noti o poco valorizzati in tutte le regioni: un caleidoscopio di meraviglie nella proposta effervescente del FAI e dei suoi delegati che reagiscono con ancor più energia e impegno, positività ed entusiasmo al periodo difficile che l’Italia sta attraversando.

La delegazione FAI di Teramo ha scelto la città di Atri, conosciuta per le sue bellezze artistiche e architettoniche, come protagonista delle Giornate FAI d’Autunno 2020, volgendo, in questa occasione, uno sguardo alla storia: infatti verranno esibiti per la prima volta documenti e materiali storici di impagabile importanza: si potranno ammirare i documenti storici del fondo pergamenaceo e altri documenti provenienti da biblioteche pubbliche e private presso le Cisterne Romane del Palazzo Ducale, nel Palazzo Sorricchio e nel Palazzo Cardinal Cicada.

Visitabile inoltre la Cattedrale e la Riserva Naturale Regionale Oasi WWF dei Calanchi di Atri con escursioni guidate.

Sono in programma tre conferenze alla presenza di esperti per conoscere nel dettaglio la storia della città ducale, porgendo particolare attenzione alle monete antiche e pergamene medievali fino a oggi mai esposte.

Non solo storia, ma anche arte: nella giornata di sabato 17 ottobre l’attenzione sarà rivolta a celebrare la figura di uno dei massimi esponenti della pittura centro-meridionale del Rinascimento, Andrea Delitio, cui ricorre il sesto centenario dalla nascita e che unisce la Città di Atri, la quale ospita la sua più famosa opera, il ciclo pittorico sulle Storie della Vergine, nella Cattedrale Santa Maria Assunta e il Comune di Lecce nei Marsi, suo luogo natio.

L’iniziativa si avvale del patrocinio del Comune di Atri e del contributo della Fondazione Tercas.

Nel dettaglio alle Cisterne Romane del Palazzo Ducale saranno esposti i documenti del Fondo Pergamenaceo e lo Statuto di Atri del 1503, facenti parte dell’Archivio della Sezione Storica del Comune di Atri; l’”Asse”: reperto della monetazione atriana; la serie completa artisticamente ricostruita della monetazione atriana di Giovanni Zanni e stampi per l’antico procedimento di fusione.

Nel Palazzo Sorricchio, che riapre dopo 100 anni, saranno esposti i manoscritti di Nicola Sorricchio, gli Annali Acquaviviani e i Monumenti Adriani; nel Palazzo Cardinal Cicada sarà possibile ammirare i documenti del Fondo Rosati e gli elaborati grafici storici della Scuola Arti e Mestieri di Atri, conservati nella Biblioteca Dèlfico di Teramo.

I tre palazzi saranno visitabili dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 17,30.

Nelle quattro giornate sono previste anche visite guidate alla Cattedrale in particolare il ciclo pittore di Andrea Delitio, il 17 ottobre dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 17; domenica 18 ottobre alle 9 alle 11, dalle 15 alle 16 e dalle 17 alle 18; il 24 ottobre dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 17. Il 25 ottobre dalle 9 alle 11 e dalle 15 alle 17.

Previste anche delle conferenze alla presenza di esperti di arte e cultura.

Sabato 17 ottobre alle 17,30 nella Cattedrale ci sarà l’incontro dal titolo Andrea Delitio e l’arte italiana del Quattrocento con lo storico dell’arte Giovanbattista Benedicenti.

La conferenza, che prevede la proiezione di immagini su grande schermo, sarà accompagnata da brani musicali del Quattrocento, eseguiti da un ensemble diretto da Cristina Palucci, con riproduzioni di strumenti musicali d’epoca.

Il 24 ottobre alle 17,30 nell’Auditorium Sant’Agostino ci sarà il convegno sulla Monetazione di Hatria con l’archeologo e numismatico Fiorenzo Catalli e il numismatico Alberto D’Andrea.

Sabato 25 ottobre alle 10,30 sempre nell’auditorium Sant’Agostino ci sarà il convegno Atri meravigliosa. Arte, Storia e Natura”a cura del Prof. Roberto Ricci.

“Dopo aver ospitato con successo qualche anno fa le giornate FAI di primavera – commenta l’assessore alla Cultura del Comune di Atri, Domenico Felicione – siamo davvero felici di poter ospitare le giornate d’Autunno in questo nuovo e originale doppio appuntamento. Atri è una cittadina tutta da scoprire con i suoi palazzi meravigliosi, i suoi scorci e la sua arte, ma ha anche tantissimi documenti storici originali che raccontano molto e che meritano di essere scoperti dal pubblico. Ringrazio il FAI Teramo, in particolare il capo delegazione Pietro Costantini, la Fondazione Tercas, la famiglia Sorricchio di Valforte, la Diocesi di Teramo-Atri, la Biblioteca “Melchiorre De`lfico” di Teramo, i professori Roberto Ricci e Giovanbattista Benedicenti, l’avvocato Giuseppe Zanni, l’architetto Domenico Graziosi, don Giuseppe Bonomo per la preziosa collaborazione”.

“Non potevamo non prendere in considerazione la città di Atri per le Giornate FAI d’Autunno – commenta il capo delegazione FAI Teramo, Pietro Costantini – una cittadina meravigliosa che ha ancora tanto da svelare. Per la prima volta saranno esposti documenti dal grande valore storico e sarà possibile ammirare palazzi meravigliosi solitamente chiusi in quanto privati. In occasione delle Giornate FAI di Primavera qualche anno fa, Atri si è svelata per aspetti allora inediti come l’antica filanda, ora ci saranno novità assolute e dal grande pregio che invito tutti a scoprire e conoscere. Ringrazio l’Amministrazione Comunale per il prezioso lavoro e quanti hanno collaborato e collaboreranno per la riuscita delle quattro giornate”.

Prenotazione online su www.giornatefai.it. I posti sono limitati.

by Redazione
accompagnatori cicloturistici

Sono 11 e sono i primi accompagnatori cicloturistici qualificati d’Abruzzo.

I nuovi operatori turistici hanno ottenuto la qualifica riconosciuta dalla Regione Abruzzo, che ha validità su tutto il territorio nazionale, al termine del corso di formazione organizzato dal gruppo Il Bosso Formazione, società che opera nel settore turistico da oltre 20 anni.

I partecipanti hanno sostenuto un esame finale che ha contemplato una prova orale e una pratica: conoscenza del territorio e della meccanica della bicicletta, elementi di cartografia e orientamento, primo soccorso, tecniche di guida e accoglienza del gruppo, oltre alla pianificazione di un percorso cicloturistico e alla sua promozione anche in lingua inglese.

“E’ un risultato importante – sottolinea l’assessore al Turismo Mauro Febbo – che non fa altro che agevolare la strategia di promozione turistica intrapresa dalla Regione Abruzzo di puntare sul cicloturismo. Come Regione, alla luce soprattutto della realizzazione della byke to cost Martinsicuro-San Salvo, abbiamo predisposto una decisa azione di promozione con al centro proprio il cicloturismo e il turismo lento. Il riconoscimento di 11 accompagnatori cicloturistici qualificati a seguito di un corso di formazione conferma la validità dell’offerta turistica, ma soprattutto presenta sul mercato nazionale un regione che oltre alle infrastrutture di grande valore mette a disposizione servizi turistici qualificati”.

Trecento le ore del corso seguito, di cui 220 in aula e 80 in tirocinio formativo.

L’esame finale ha visto gli undici nuovi accompagnatori cicloturistici affrontare quattro prove: ispezione dello zaino – nel quale l’accompagnatore deve avere il kit per il primo soccorso nonché quello per l’assistenza tecnica alla bicicletta – poi una prova di tecnica di guida del mezzo, un quiz e la presentazione di un progetto di lavoro, con la realizzazione di un percorso reale, con elementi relativi alla sua promozione, alla traccia, ai punti di interesse che si incontrano lungo lo stesso, con riferimento a territorio, arte, natura, enogastronomia.

“Il nostro organismo di formazione ha di fatto aperto una nuova visione ed una strategia differente nel campo della formazione professionale, un’azione sempre più in linea con gli indirizzi del futuro sviluppo turistico ed ambientale della nostra regione”, ha aggiunto Cristian Moscone, presidente del gruppo Il Bosso.

Questi gli accompagnatori cicloturistici qualficiati provenienti da tutte le zone d’Abruzzo:

  • Riccardo Olindo Avitto,
  • Mauro Cironi,
  • Emanuele De Simone,
  • Francesco Di Iorio,
  • Francesco Di Pietro,
  • Nino Di Rocco,
  • Antonella Di Zacomo,
  • Nicolas Larrosa,
  • Marco Petronio,
  • Alessandro Ricci,
  • Paolo Setta.
by Redazione

Dagli Stati Uniti al Canada. Dalla Francia alla Danimarca. Dall’Inghilterra all’Olanda e alla Spagna.

Tutti alla scoperta dell’Abruzzo e delle infinite possibilità che il suo territorio offre – ma che troppo spesso limiti organizzativi limitano nelle potenzialità di mercato – ai professionisti del turismo attivo.

Sono 12 (ma altri se ne potrebbero aggiungere last minute) i tour operator internazionali, tra cui diversi professionisti italiani, che dal 4 al 6 settembre prossimo saranno ospiti di Active Abruzzo tra vocazione e destinazione, l’evento promosso dalla Camera di Commercio di Chieti-Pescara e da Cna Turismo Abruzzo all’interno di Ecomob 2020, l’expo dedicata al turismo sostenibile che si terrà nel padiglione Becci del Porto turistico Marina di Pescara.

I dodici operatori, tutti specialisti di quella nuova frontiera della vacanza che è ormai considerato il “turismo esperienziale” – si tratta di autentiche corazzate come Cyclando, Slo Ways, Cicloposse, Cycle Europe, Ciclismo Classico, S.Cape Travel, Kel 12, Girolibero, Mondobici, Dreavel, Carol’s Moveable Feast e Backroads  – avranno nei loro giorni di permanenza in Abruzzo, oltre agli  appuntamenti in programma all’interno di Ecomob2020, un’agenda fittissima di impegni.

Con un programma intenso messo a punto dal presidente regionale di Cna Turismo, Claudio Di Dionisio: un calendario ricco di escursioni sul territorio alla scoperta di siti culturali, aree naturali, scenari montani o di mare, solo per citare alcune delle specialità offerte dalla casa.

Diverse le mete individuate da Cna Turismo Abruzzo per gli ospiti internazionali che sbarcheranno già domani sera a Pescara: attore protagonista sarà tutto il territorio regionale, con escursioni fluviali in canoa, pedalate in montagna e lungo la costa dei Trabocchi, visite guidate ai centri faunistici, nuotate negli scorci di mare più belli, escursioni nei parchi e riserve naturali, il tutto senza dimenticare l’esperienza irripetibile di un incontro con il gregge e la produzione del formaggio.

Con pause dedicate all’eno-gastronomia di qualità sia di terra che di mare, visite ad aziende vinicole e birrifici d’eccellenza: dunque, una rapidissima full immersion in quella che è davvero l’enorme potenzialità dell’offerta turistica regionale, pronta a trasformarsi in pacchetti e proposte da vendere sui mercati internazionali.

Ma accanto alla scoperta del territorio, i colossi del turismo esperienziale vivranno anche momenti istituzionali all’interno di “Active Abruzzo tra vocazione e destinazione”: “I momenti clou all’interno di Ecomob 2020 – illustra il responsabile regionale di Cna Turismo, Gabriele Marchese – sono fissati il 4 settembre, alle ore 18, con un convegno dedicato al tema; e il giorno successivo con un “b2b”, dalle 17 alle 20, cui hanno già aderito un centinaio di operatori abruzzesi per confrontarsi con i tour operator che ospitiamo».

Un punto, questo, su cui insiste Di Dionisio:

Abbiamo registrato un successo di iscrizioni al “b2b” che forse ha pochi precedenti in Abruzzo; gli specialisti internazionali saranno in condizione di confrontarsi faccia a faccia con le nostre imprese turistiche specialiste nell’offerta dedicata al turismo attivo, per trasformare percorsi e itinerari in pacchetti e proposte da immettere sui mercati nazionali e internazionali.

Insomma, per passare davvero dall’Abruzzo della sola vocazione all’Abruzzo come destinazione forte e ambita.

Nel programma del week end al porto turistico spicca anche il confronto pubblico in programma il 4 settembre.

Nel dibattito, moderato dal giornalista Antimo Amore, sarà fatto il punto proprio sulla capacità dell’Abruzzo di trasformare la sua enorme disponibilità di siti in offerta sul mercato mondiale delle destinazioni turistiche.

Ci saranno, con lo stesso Di Dionisio, dopo il saluto del presidente del porto turistico, Carmine Salce, anche l’assessore regionale Mauro Febbo, il responsabile nazionale per il turismo della Cna, Cristiano Tomei, il vice presidente dell’ente camerale Lido Legnini, il presidente della Pmc Abruzzo, Dario Colecchi. Oltre ad alcuni degli ospiti arrivati in Abruzzo.

 

Abbazia di San Giovanni in Venere
  • Un panorama mozzafiato, una costruzione che domina la Costa dei Trabocchi in quel di Fossacesia: l’Abbazia di San Giovanni in Venere è uno dei luoghi più belli d’Abruzzo al punto da essere scelto da molte coppie quale luogo in cui celebrare le nozze.

Un luogo di culto dunque aperto al pubblico: è possibile infatti visitare l’Abbazia sia nei giorni feriali che in quelli festivi dalle ore 07 alle 19,30 (ora legale).

Un ampio parco circonda l’area dove si respira pace, tranquillità e storia: sull’area dell’attuale abbazia infatti sorgeva anticamente un tempio dedicato alla dea Venere Conciliatrice, da cui il nome San Giovanni in Venere.

Tra VIII e X secolo è attestata la presenza di una semplice cella monastica, mentre la nascita dell’abbazia vera e propria avviene nel 1015 ed è attribuita a Trasmondo II, conte di Teate (Chieti), il cui corpo è seppellito nella cripta della chiesa abbaziale.

L’aspetto odierno è il risultato delle trasformazioni apportate tra il 1165 e il 1204 dall’abate Odorisio II e di quelle successive, compiute tra il 1225 e il 1230 dall’abate Rainaldo. Attualmente l’abbazia ospita una comunità di Padri Passionisti.

by mediaplus.adv
costa dei trabocchi

Dalla Costa dei Trabocchi in bici al  tramonto, alle escursioni in mountain-bike lungo l’anello dei tre fiumi a Popoli, fino al giro in e-bike alla scoperta di Hatria, l’odierna Atri.

Senza dimenticare il celebre Campo Imperatore, per percorrere il Piccolo Tibet in mountain-bike ed esplorare il territorio con i tre laghetti del Racollo.

E, ancora, l’aspetto urban fra bici e fiume a Pescara. Con la proposta che include anche i giri in Vespa fra Montepulciano d’Abruzzo e snorkeling, oltre al trekking sulla Majella con la tavola dei briganti e le Capanne in pietra.

Un calendario nutrito, fra bici, trekking, Vespa, quello che la Ciclostazione dei Trabocchi di Francavilla propone agli appassionati del tempo libero, della vita all’aria aperta, con escursioni calibrate per tutti i gusti e tutti i livelli di preparazione.

Giri per tutti, per scoprire, assaporare il territorio, respirare e divertirsi, sempre in sicurezza, con la conduzione di guide specializzate e certificate.

Oltre al calendario delle escursioni, possibilità di noleggio bici e Vespa. Per info: 3517586262; 3405064506.

Al calendario mensile si aggiunge la speciale gita fuori Abruzzo, con La magia dei piani di Castelluccio in Mtb. L’escursione è in programma per giovedì 9 luglio, nei Piani di Castelluccio, in Umbria.

“La nostra filosofia è quella di essere un punto di riferimento per il cicloturismo, un posto dove incontrarsi, scambiarsi opinioni e consigli – commentano Anna Romanovna e Antonella Di Zacomo, collaboratrici di Bikelife, tour operator gestore della Ciclostazione dei Trabocchi – Un luogo aperto, con a disposizione uno staff di professionisti del settore. Un luogo pulsante, dove nascono idee e progetti, in sintonia con il territorio, che è sempre più richiamo per il cicloturismo, dall’Italia e dall’estero”.

Aperta a fine maggio, la Ciclostazione dei Trabocchi è stata inaugurata ufficialmente a metà giugno, con una cinque giorni di incontri ed escursioni tematiche.

Qui di seguito il programma di luglio:

Sabato 4 luglio
Costa dei Trabocchi in bici al tramonto (partenza alle 16,30)

Domenica 5 luglio
In MTB l’anello dei 3 Fiumi a Popoli (partenza alle 10)

Giovedì 9 luglio
Speciale gita La magia dei Piani di Castelluccio in MTB con partenza alle 7 da Francavilla al Mare e rientro in serata per un’avvincente escursione nei Piani di Castelluccio, alla scoperta del territorio e della sua biodiversità.

Sabato 11 luglio
Hatria e-bike tour: arte e natura (partenza alle 10)
Trekking a Scanno, il lago a forma di cuore al tramonto (partenza alle 17)

Domenica 12 luglio
Vespa tour lungo la Costa dei Trabocchi (partenza alle 9,30)

Sabato 18 luglio
Campo Imperatore in Mtb sul Piccolo Tibet d’Abruzzo bike-film tour (partenza alle 10)

Domenica 19 luglio
Giro Trekking la Tavola dei Briganti sulla Maiella (partenza alle 10)
Vespa tour Montepulciano d’Abruzzo con pic-nic (partenza alle 15)

Venerdì 24 luglio
Il fiume a pedali: città in bicicletta e poesia (partenza alle 18)

Sabato 25 luglio
Giro delle cantine e dei mulini in gravel bike (partenza alle 10)
Costa dei Trabocchi in bici al Tramonto (partenza alle 16,30)

Domenica 26 luglio
Vespa e snorkeling lungo la Costa dei Trabocchi (partenza alle 9)
Trekking in Abruzzo sulla Majella e le Capanne in pietra (partenza alle 9,30)
Campo Imperatore in bici e i tre laghetti del Racollo (partenza alle 15,30)

by Redazione
ciclostazione

Dopo l’apertura un mese fa, il focus sul cicloturismo in regione, fra l’oggi e il futuro, con l’analisi degli itinerari a pettine per intercettare la Via Verde dei Trabocchi.

Si comincia mercoledì 17 per proseguire fino a domenica. Non solo incontri, anche escursioni guidate, eventi, dj set, mostre e, ogni sera dalle 19, degustazioni in collaborazione con cantine locali e Bar Ristoratore della Stazione di Francavilla al Mare.

Tutte le iniziative sono gratuite e saranno svolte nel rispetto delle normative di sicurezza vigenti.

Per partecipare alle escursioni è necessario prenotare (085816221, 3405064506, 3517586262).

Incontri con esperti del settore, un primo momento di riflessione sul ruolo delle ciclostazioni nello sviluppo del cicloturismo in regione.

Pensieri, strategie, obiettivi, all’insegna di una Regione Bike Friendly.

Dopo l’apertura un mese fa arriva l’inaugurazione ufficiale per la Ciclostazione dei Trabocchi, nei locali della stazione ferroviaria a Francavilla al Mare.

“Stiamo partendo tutti assieme per un viaggio che ci porterà ad avere una rete ciclabile, supportata da una rete di ciclostazioni e di servizi annessi offerti dal privato, per una Regione Bike Friendly – commenta Claudio Di Dionisio di Bikelife, tour operator di vacanza attiva che gestisce il servizio della Ciclostazione – Sappiamo che manca tanto ancora, ma sapere qual è la strada è già molto importante. Lavoreremo tutti nella direzione auspicata, ci confronteremo, per portare a casa il risultato che tutti ci chiedono”.

L’indicazione del lavoro da svolgere viene dagli incontri in programma, per valutare lo stato dei percorsi già esistenti e la loro fruibilità, per una prima traccia degli itinerari a pettine per intercettare la Via Verde dei Trabocchi.

Questo il tema del primo incontro di mercoledì 17 (alle 18,30). Si parlerà di Le Vie Cicloturistiche: a pettine sulla Via Verde dei Trabocchi, fra Via dei Mulini e Strada del Vino delle colline teatine.

Intervengono i sindaci Antonio Luciani (Francavilla al Mare), Angelo Radica (Tollo), Leo Castiglione (Ortona), Nicolino Di Paolo (Crecchio), Lorenzo Di Sario (Canosa Sannita) coordinatore regionale dell’Associazione nazionale Città del Vino, Loris Scioletti (consigliere comunale del Comune di Arielli) e Nicola D’auria (Movimento Turismo del Vino).

Tema di giovedì 18 (sempre alle 18,30) è I Cammini abruzzesi come opportunità cicloturistiche.

Intervengono: Fausto Di Nella (Associazione Il Cammino di San Tommaso), Luciano Caramanico e Lucio Taraborrelli, (Associazione Il Cammino della Pace), Nicola Ranalli e Cristina Cannone (Cooperativa Terracoste-Linea Gustav), Associazione Paliurus-Natura, storia ed ecoturismo (Cammino dell’Adriatico).

Venerdì 19 (18,30) si fa il punto su La Costa dei Trabocchi e i progetti cicloturistici: fra l’oggi e il futuro.

Intervengono: Giuseppe Di Marco (presidente Legambiente Abruzzo), Raffaele Di Marcello (Fiab), Filippo Catania (presidente Fiab Pescarabici), Claudio Ucci (Abruzzo Travelling), Graziano Di Costanzo e Gabriele Marchese (Cna Abruzzo), Gennaro Strever, presidente e Lido Legnini, vice presidente vicario (Camera di Commercio Chieti-Pescara), Elio Torlontano (Touring Club Italiano), Michele Cassone (Rfi).

Sabato 20 dalle 16 alle 19 escursione all’imbrunire lungo la Via dei Mulini.

E alle 19 l’inaugurazione ufficiale con Ciclostazione dei Trabocchi Opening Dj Set con Francesco Capodaglio e Claudio Rucci.

Esposizione degli scatti dei fotografi escursionistici, presenti in Ciclostazione: Loris Mattioli, Mauro Cironi-Discover Abruzzo, Ludovica-a_regola_d_arte1, Alessio Cipollone-Lucyitalianphotos.

La mattina di domenica 21 dalle 10 alle 13, punzonatura delle biciclette a cura di Fiab-Pescarabici e dalle 16 alle 19 escursione, camminata all’imbrunire alla scoperta dei sistemi dunali e delle zone costiere sensibili.

Alle 17,30 Bicibicitalia, intervengono gli attori protagonisti Federico Perrotta e Valentina Olla.

Alle 18.30 incontro Abruzzo Regione Bike Friendly, intervengono Mauro Febbo, assessore al Turismo Regione Abruzzo e Germano De Sanctis, direttore Dipartimento turismo. Modera gli incontri Alessandro Ricci, giornalista e ciclopoeta.

by Redazione
abruzzo express

Il duo comico atriano E’ Una Vitaccia, composto da Lucio Rasetti e Fausto Verdecchia, torna a far parlare di se, con il progetto Abruzzo Express, che consiste in una lunga passeggiata di 130 Km circa, che li vedrà attraversare tutto il litorale abruzzese da sud a nord.

Il viaggio sarà suddiviso in 4 tappe,  i due partiranno venerdì  5 giugno da San Salvo per arrivare lunedì 8 a Martinsicuro.

L’obbiettivo è quello promuovere il turismo in Abruzzo, con l’intento di lanciare un chiaro messaggio di “rinascita” e ritorno alla vita di sempre a seguito del blocco causa COVID-19.

Passeggeranno lungo l’intera costa d’Abruzzo, soffermandosi su i posti più caratteristici, come Punta Aderci, Ripari di Giobbe, la Torre di Cerranno, e non solo.

Lucio e Fausto
Lucio e Fausto

In qualità di Abruzzo Ambassador i due artisti non solo promuoveranno l’Abruzzo, ma soprattutto valorizzeranno  lo slow tourism ossia il turismo lento, caratterizzato da lunghe passeggiate all’aria aperta e momenti di contatto puro con la natura.

Durante il viaggio saranno previste dirette sui loro canali social e collegamenti con i media interessati alla loro avventura.

“Invitiamo tutti a seguirci e soprattutto a venirci a trovare durante il percorso, per percorrere un tratto di viaggio insieme e magari farci qualche risata”, hanno dichiarato Fausto e Lucio.

Le quattro tappe saranno così composte:

  • San Salvo-Marina di Torino di Sangro , venerdì 4 giugno,
  • Marina di Torino di Sangro – Francavilla,  sabato 5 giugno,
  • Francavilla – Pineto domenica,  6 giugno,
  • Pineto – Martinsicuro, domenica  7 giugno.

Durante il percorso verranno rispettate tutte le norme di sicurezza previste ad impedire la diffusione del Covid-19.

by Redazione
Ciclostazione dei Trabocchi

La Ciclostazione dei Trabocchi oggi apre, con sede a Francavilla al Mare (Ch) in piazza Benedetto Croce, uno nei locali della stazione ferroviaria.

Una scelta, quella degli spazi, che già annuncia la ciclostazione come punto di riferimento del territorio nelle scelte di mobilità urbana, intermodalità e cicloturismo.

La Ciclostazione dei trabocchi, nuovo servizio di Bikelife, tour operator di vacanza attiva, apre in piena Fase due, in un momento in cui la bicicletta si presenta come regina dello spazio urbano e non solo.

Non a caso la stessa Organizzazione mondiale della sanità la propone come scelta per gli spostamenti, garantendo distanziamento sociale ed evitando così il ricorso al mezzo privato.

E numerose città in tutto il mondo stanno già realizzando azioni volte a favorire la migliore circolazione delle bici, da Bogotà a Berlino, passando per Parigi, Bruxelles, Londra, per citarne alcune.

Con, inoltre, gli esempi di metropoli italiane come Milano, Torino, Napoli, Roma, fino a Bologna.

“Dopo tanta attesa dovuta all’emergenza Coronavirus finalmente si parte – commenta Claudio Di Dionisio di Bikelife – Portiamo sul territorio un nuovo servizio, in un momento in cui la bicicletta, ancora di più, ha assunto un ruolo da protagonista, per lo spazio urbano e per il cicloturismo. Lo dimostra anche il bonus messo a disposizione dal Governo, spendibile anche da noi. Peraltro, considerate le disposizioni legate alla limitazione del virus, si annuncia un’estate di turismo all’interno della propria regione e scoprire l’Abruzzo in bici, come con noi hanno già fatto tanti gruppi di stranieri, può essere una fantastica scelta, considerate le proposte di natura, arte, enogastronomia”. 

E dunque la ciclostazione si presenta come deposito custodito per le bici, per lavoratori, studenti, pendolari in arrivo o in partenza dalla stazione di Francavilla al Mare, per viaggiatori in treno o bus, chi vive e lavora nelle vicinanze e chi torna nel weekend o durante le feste.

Personale qualificato opera nell’officina, anche con servizio express per riparazioni di emergenza.

Disponibile una postazione per autoriparazione, nonché controllo della pressione delle gomme e ricarica della e-bike. Questi ultimi due servizi sono gratuiti.

La Ciclostazione è anche deposito bagagli, nonché info point per percorsi, itinerari ciclabili, mappe, cartine e consigli utili su alimentazione e biomeccanica. Oltre ad abbigliamento e accessori per la mobilità ciclistica.

Non da meno il servizio di noleggio, con la vasta gamma di bici da città, mountain bike, bici da strada, bici elettriche.

Mezzi di ogni tipo – in collaborazione con Bianchi, storico marchio del Made in Italy – per famiglie, piccoli e grandi gruppi, fino al ciclista più esigente. Al noleggio si affianca il servizio tour in bici, da quello con guida ai tour autoguidati.

La struttura fornisce mappa o traccia, proponendo itinerari per tutti i gusti.

Tutte le strutture che aderiscono al circuito Bike Friendly della regione Abruzzo, sono in rete con la Ciclostazione, con servizi e sconti dedicati a chi viaggia in bici. Ciclostazione dei Trabocchi è anche sede locale del Touring Club.

by Redazione

Un viaggio avvincente tra le bellezze del paesaggio italiano in bici, un tour delle regioni in compagnia di due conduttori che non sono lo stereotipo dei volti televisivi ma i ragazzi della porta accanto, una coppia anche fuori dal set, l’abruzzese Federico Perrotta, attore teatrale, comico con all’attivo moltissimi spettacoli e la bellissima Valentina Olla, show girl televisiva ed ora attrice teatrale e cantante: sulla scia delle emozioni approda su Prime Video Bicibicitalia.

Il progetto nasce dalla intuizione di Stefano Gabriele, regista televisivo e cinematografico romano,  titolare di Framexs Multimedia, azienda che da anni è attiva nella produzione di contenuti cinematografici, televisivi e video in senso generale.

Federico e Valentina danno vita ad alcune gag e poi, pedalando raggiungono i luoghi che vogliono mostrare. Spesso si soffermano a parlare con persone comuni, anche con le istituzioni ma ancora più spesso incontrano degli ospiti illustri in ogni campo.

L’idea di fondo come spiega il regista “è quella di raccontare il nostro meraviglioso Paese, soprattutto nelle sue aree meno sfruttate e conosciute, attraverso un mezzo di trasporto ecologico, salutare e fruibile per tutti: la bicicletta. Non una bicicletta sportiva o estrema ma una bici adatta a tutti, alle famiglie, ai ragazzi e agli anziani”.

La produzione del programma è targata Format srl e il produttore  è Mauro Venditti che ha creduto nel progetto investendo in esso uno sforzo non indifferente: la troupe di 16 persone infatti si è mossa in tutta Italia nell’arco di due stagioni per un totale di 40 puntate (due per ogni regione di lavoro).

La troupe vede la presenza di figure professionali di alto livello come Gianluca Gallucci (D.O.P.  e steadicam operator), Iulian Calugaru (D.I.T. e drone pilot), Davide Zucchetti ( montatore), Lorenzo Gabriele (colorist) ed Eugenio Vatta autore di alcune musiche ma soprattutto responsabile del mixage audio.

Un altro valore aggiunto al programma rappresenta la sigla finale Bicibicitalia composta ed eseguita dai Tetes de Bois.

E’Zenit Distribution a chiudere l’accordo con Prime Video per la diffusione del format.

“Quando ci hanno offerto questo programma abbiamo pensato di realizzare un sogno: stavamo per girare l’Italia con un mezzo così bello comodo, ecologico”- spiegano Federico Perrotta e Valentina Olla.

“Durante la tappa in Abruzzo ero entusiasta di far conoscere non solo a mia moglie, ma anche a tutta la troupe, le bellezze incredibili della nostra regione che in un territorio relativamente stretto rispetto alle vastità di altre regioni, riesce a comprendere la montagna, la collina, il mare, la pianura ma soprattutto l’aspetto enogastronomico che non va sottovalutato – prosegue Federico. – Insieme agli autori abbiamo studiato il percorso: Santo Stefano di Sessanio con l’albergo diffuso e la camminata straordinaria verso Campo Imperatore, un viaggio nell’anima per vari motivi”.

Il tuffo tra le bellezze d’Abruzzo, da sempre meta di turisti in qualsiasi stagione ha regalato grandi emozioni ma la passeggiata tutta abruzzese non finisce qui infatti come anticipano gli artisti, “siamo scesi anche giù a valle e tra centinaia di chilometri della costa abruzzese abbiamo scelto quella un po’ più rude e dunque la Costa dei Trabocchi ed è li che abbiamo testato il romanticismo di potersi affacciare sul mare da questa terrazza chiamata ‘trabocco’ e sorseggiare un calice di Pecorino locale guardando il tramonto sul mare: un’esperienza straordinaria”. Proprio in questa regione Federico e Valentina, hanno incontrato due grandi nomi: Stefano Magni ed Arianna Ciampoli.

Bicibicitalia in Abruzzo

Così concludono gli artisti: “tutto questo si lega molto bene con le iniziative dalla Regione Abruzzo che da anni sta lavorando sul cicloturismo: a noi piace la bicicletta slow, che va piano e con la quale è possibile godere di paesaggi straordinari insieme a tutta la famiglia”.

Il tour ‘virtuale’ tra le bellezze italiane di Bicibicitalia è già disponibile su Prime Video.

by Redazione
1 2 3 8