Search

Tag Archives: masciulli edizioni

Masciulli

Il cliente del giorno, parte seconda: venerdì 17 giugno, alle ore 20.45, al Piccolo Teatro dello Scalo di Chieti Scalo c’è la prima e tanto attesa presentazione del libro dei teatini Marco Di Lillo e Valerio Vespucci, due de “I 4 Santi”.

Il volume, edito dalla Masciulli edizioni, racconta gli aneddoti più divertenti che capitano quotidianamente nella cartoleria gestita dai due autori, a Chieti Scalo.

Al centro del libro che ha già avuto un grande successo con la sua “prima parte”, ci sono risate, divertimento, riflessioni e tanti motivi per evadere dalla realtà, i due teatini infatti hanno raccontato tutto ciò che accade quotidianamente con i clienti, soprattutto con quelli esigenti che si lasciano andare a richieste particolari, talvolta anche difficili da soddisfare.

Il libro include vignette e piccoli aneddoti e le scene vissute nel quotidiano vengono raccontate in chiave comica proprio per evidenziare come “ogni lavoro ha le sue particolarità, ed ogni occupazione può nascondere delle difficoltà ma – come spiega l’editore Alessio Masciulli – l’importante è saper sdrammatizzare e perchè no? Anche riderci un po ‘ su, sono altri i problemi nella vita”.

Ed infatti nello spirito stesso del nuovo volume c’è un invito a prendere tutto un pò più con leggerezza e ad essere sempre più positivi, secondo la filosofia stessa della casa editrice Masciulli.

I due autori fanno parte dell’ormai famoso quartetto abruzzese “I 4 Santi” che con parodie, musica e video divertenti fanno conoscere l’Abruzzo in giro per l’Italia grazie ai tanti followers sui social.

by Redazione
masciulli

Padiglione 3, stand numero 35: è qui che gli appassionati del libro, quest’anno, potranno stringere la mano all’editore abruzzese Alessio Masciulli che insieme ad alcuni dei suoi autori è partito alla volta di Torino per partecipare alla XXXIV edizione del Salone Internazionale del Libro dal 19 al 23 maggio.

Insieme all’editore di Catignano (Pe) tanti nomi: dal Maestro Pier Francesco Pingitore, all’attore Federico Perrotta (Uao Spettacoli), i giornalisti Luca Pompei e Sergio Mancini; inoltre Alessia Poliandri, Alfredo Scogna, Andrea Buccella, Andrea Piermattei, Andrea Verrocchio, Annalisa Marzola, Antonella Polenta, Cesira Donatelli, Claudia La Capruccia, Claudio Pepe, Cristiana Antonelli.

“Quest’anno abbiamo deciso di partecipare al Salone di Torino e dunque essere presenti anche ad iniziative più ampie, per testimoniare non solo la nostra passione per i libri, ma anche per raccontare un pò del nostro Abruzzo infatti porteremo il “Cammino Letterario” che simbolicamente partirà proprio da Torino e girerà tutta l’Italia con una serie di iniziative nei week end in particolare, ed il cuore del nostro ‘cammino in compagnia dei libri’ ci sarà a luglio” – spiega Masciulli.

Parteciperanno inoltre Tiziana Iozzi e le 13 donne che hanno collaborato al famoso ormai Amati o Amàti, questione di accento, Danilo Angelucci, infermiere da poco rientrato da un’importantissima presentazione a Brindisi che ha commosso in molti, Serena Giampietro e Danielaide, Eliana Collu, Filippo Guidi, Francesca Lupone, Germano Chiaverini, il giornalista Rai Gianni Maritati, Giorgio Napoletano, Giovanna Ferri, Luca Ori, Lucia Di Folca, Marco Di Lillo, Marco Labonia, Maria Corsi, Marida De Vita.

E inoltre il travolgente attore Massimiliano Elia, Michelangelo Maggiulli, Michele Marino, Mirta Basilisco, Mizar Specchio, Paola Costanzo, Rosa Pierro, Sabrina Galli, Silvia Elena Di Donato e Tiziana Di Ruscio.

Tra gli autori esterni alla Masciulli Edizioni ci saranno Roberta Rubino, Tiberio Olga, Marcello Di Muzio, Alessandra Puca.

 

by Redazione
L'Aquila

L’Aquila accoglie la presentazione del secondo romanzo del giornalista pescarese e scrittore Luca Pompei, Come gli Alberi Spogliati ad Aprile (Masciulli Edizioni) presso la Maccarrone Libri con un appuntamento, per sabato 30 aprile alle ore 18, possibile grazie a Roberto Maccarrone e l’editore Alessio Masciulli.

A moderare sarà la giornalista pescarese Alessandra Renzetti; non mancheranno interventi a cura della giornalista Marianna Gianforte.

Luca Pompei, in questo romanzo, ha voluto cambiare in qualche modo direzione, esplorando il dramma del dopo terremoto, quello vissuto in un borgo alle porte de L’Aquila, Casentino (frazione di S.Eusanio Forconese). Prestigiosa è la collaborazione con il giovane e già pluripremiato scrittore abruzzese Peppe Millanta che per questo romanzo ha scritto una prefazione di assoluto valore. La foto di copertina, invece, è di Rossella Caldarale.

Attraverso un’attività di studio ed inchiesta, il giornalista ha visitato questi luoghi, ha conosciuto i suoi pochi abitanti, raccolto storie ed aneddoti per poi ricamare una storia di finzione che fa da legante ad una serie di vicende e personaggi reali.

Il tema principale, ovviamente, è quello di una ricostruzione sociale, al fianco di quella materiale, quasi impossibile da immaginare, ma, nonostante questo, l’estremo attaccamento per le tradizioni, le origini e la storia di questo borgo, porterà i personaggi di questo romanzo a combattere per un proprio riscatto.

“Il titolo – spiega l’autore – nasce dalla prima immagine che mi ha colpito nel viaggio  verso l’Aquila quel 6 aprile del 2009, per documentare la tragedia:  sul ciglio della Statale alberi completamente spogli tanto violenta è stata la scossa delle 3.32, uno scenario autunnale in piena primavera”.Alberi spogliati ad aprile sono anche i tanti personaggi del romanzo, privati di tutto e non solo della loro casa, ma il loro senso di appartenenza ed il profondo senso di resilienza danno loro, in fondo, quell’immagine di piccoli eroi di provincia.

In “Come gli alberi spogliati ad Aprile”, ci si trova dunque a Casentino, frazione di S.Eusanio Forconese alle porte de L’Aquila; un giovane e rampante avvocato romano, Bruno Tussi, torna nel paese d’origine dei suoi genitori per disfarsi di tutte le proprietà.

Ha con se suo figlio, Emilio, affetto da disturbi comportamentali. Di contorno le storie e gli aneddoti della comunità locale e sullo sfondo una losca vicenda di corruzione legata alla ricostruzione. Di questo ed altre situazioni si parlerà a L’Aquila.

 

by Redazione
bullismo

Una parola che mette tutti d’accordo: “amore”, soprattutto in un evento in cui è l’importanza di questo sentimento a dare la giusta grinta per andare avanti e la forza per parlare ed esternare il proprio dolore.

L’appuntamento moderato e organizzato dalla giornalista Alessandra Renzetti con l’Editore Alessio Masciulli, e la collaborazione di Amnesty International con Alessandra Desiderio e Chiara Nigliato, è stato patrocinato dal Comune di Pescara ed in particolare dall’Assessore alla Cultura Maria Rita Carota, che sostiene: “Il titolo di questa iniziativa ‘L’Amore contro il bullismo’ mi è molto piaciuto perchè simboleggia lo sguardo rivolto verso la speranza e verso qualcosa di positivo pur dopo aver vissuto fatti negativi, e situazioni poco piacevoli”. Al suo fianco i consiglieri Mauro Renzetti e Salvatore Di Pino, Vice presidente della Commissione Cultura e Presidente della Commissione Finanze.

Patrocinio per l’appuntamento anche dalla Regione Abruzzo che ha visto partecipare il Consigliere Guerino Testa, il quale ha sottolineato il bisogno di dare maggiore importanza al tema, dalla Presidenza del Consiglio della Regione Abruzzo, dalla Provincia di Pescara e dall’Ente Manifestazioni Pescaresi ed il Presidente Valter Meale che ha assegnato alla cultura un posto di rilievo nel contrasto di questo problema, purtroppo implementato dall’emergenza sanitaria da Covid-19.

All’interno dell’evento, L’Amore contro il bullismo, diventato anche vignetta grazie al genio artistico di Maria Zaccagnini, e che si è tenuto la scorsa domenica dell’Auditorium Flaiano di Pescara, si è parlato della vita della giovane Lucia Di Folca raccontata nel suo libro Nella tasca destra in alto (Masciulli Edizioni) dove l’autrice di Lettomanoppello (Pe) mette in luce le difficoltà di chi come lei ha saputo reagire ad un mondo crudele che si è presa gioco delle sue fragilità e lo ha fatto senza pietà; Lucia ne da testimonianza specificando anche ciò che ha subito ma come ammette: “Ora ho 29 anni e fino a qualche tempo fa ero una ragazza taciturna e timida, parlavo solo con persone a me care; ho stretto amicizia con persone che avevano più o meno il mio stesso carattere e probabilmente sono stata il bersaglio delle frustrazioni di alcuni”.

Le parole di Lucia vibranti e piene di paura ancora, supportate per l’evento dalla Dottoressa Loredana Girasole psicologa clinica-psicoterapeuta che lavora con ragazzi vittime di bullismo nelle scuole, hanno scosso gli animi dei presenti e di colei che è stata la testimonial di questo appuntamento, l’attrice Elisa Di Eusanio, orgoglio abruzzese, teramana nota per il suo importante curriculum nel mondo dello spettacolo ed impegnata nel ruolo di caposala nella serie televisiva Doc – Nelle tue mani con Luca Argentero.

Ad Elisa è stato chiesto di sostenere questa iniziativa poiché battagliera, forte; proprio lei che in Doc si prende cura degli altri ha aperto la sua anima al pubblico: “Bisogna arrivare al cuore dei giovani il più possibile, per farli sentire protagonisti importanti di queste dinamiche. Da quando sono diventata un personaggio visibile mi sono resa conto della violenza che c’è nel mondo degli adulti perchè quando si parla di bullismo si tende sempre a pensare ai ragazzi, ed invece io sono stata vittima di una serie di critiche feroci da parte di donne; ringrazio Lucia per la sua testimonianza”.

Lucia è solo uno dei tanti esempi: lei ora è adulta, e ha maturato l’idea che parlare serve ad incoraggiare; la pandemia da Covid-19 non ha sicuramente migliorato la situazione soprattutto perchè tanti ragazzi hanno pensato di impegnare quel tempo quasi vuoto, e privo di contatti “umani” nell’uso eccessivo dei social che ha alimentato il cyberbullismo, ed è in questo che l’amore, in tutte le sue forme, deve intervenire.

L’evento è stato sostenuto anche dalla libreria Primo Moroni di Pescara e dall’agenzia Mediaplus e dal Project Manager Mirco Planamente che ha curato l’impaginazione delle immagini simbolo.

by Redazione
Catignano

Il Comune di Catignano (Pescara) entra nel vivo del magico periodo natalizio con l’evento Luci di..Natale che nell’edizione 2021 risulta essere ricco di appuntamenti di varia natura.

Avviato mercoledì 8 dicembre con la tradizionale accensione dell’albero prosegue anche nel nome della solidarietà infatti fino al 5 gennaio 2022 grazie a Doni sospesi sarà possibile raccogliere alimenti, giochi, libri, materiale didattico, accessori e non solo per aiutare le famiglie in difficoltà residenti nel comune stesso.

A curare il cartellone di “Luci di ..Natale” sin dal 2014 è il consigliere Annalisa Piermattei da sempre molto attenta alle necessità del territorio:

Sono stata presidente di associazioni culturali e ora da amministratrice comunale posso contare sul mio bagaglio esperienziale per capire e proporre eventi atti a valorizzare il nostro comune ma soprattutto volti ad aggregare le persone che, in questi anni così difficili, hanno davvero bisogno di ritrovare un po’ di serenità e di calore. Catignano ha una spiccata vocazione per le Arti, molti talenti e tanta voglia di impegnarsi quindi trovo terreno fertile per poter proporre e collaborare con le realtà del territorio ecco perché i nostri cartelloni estivi o invernali sono sempre molto ricchi e nello specifico “Luci di ..Natale” nasce e va avanti da anni grazie anche a questa sinergia.

Il 19 dicembre alle ore 18.15 nell’Auditorium Comunale ci sarà il Salotto Letterario firmato Masciulli Edizioni che con “Leggendo Emozioni” gioca in casa: “un appuntamento – prosegue la Piermattei– che non poteva mancare considerando che Catignano ha avuto l’onore di essere premiata come ‘Città che legge 2021’grazie alle iniziative culturali organizzate. Alessio Masciulli oltre ad essere un grande professionista è l’esempio vivente di un ragazzo che ha saputo trasformare le sue fragilità in grande forza generatrice positiva, parola a lui molto cara, e aggiungerei, propositiva perché è un vero vulcano di idee”.

Tra gli autori di Masciulli ci saranno Beatrice Tauro con Palestina al habiba! Storia di una cooperante in Terra Santa; Marida De Vita, Manuale del metodo Fidati di te; Mizar Mahira Specchio, Fiore notturno; Silvia Elena Di Donato, La Maschera di Euridice; Tiziana Iozzi, Amati o amàti questione di accento; Rosa Pierro, Storia della madre ritrovata; Serena Giampietro e Danielaide, Il Gufo e la Marmotta; Luca Pompei, Come gli alberi spogliati ad Aprile.

A seguire, è previsto per il 22 dicembre alle 18.15 Le Stelle di Natale uno spettacolo di danza a cura della Prof.ssa Antonella Mucci nell’Auditorium Comunale, mentre il 23 dicembre alle 18.30 in piazza Marconi ci sarà l’esposizione per Presepi in Luce, con stand gastronomici curato dalla Pro Loco e dall’Azione Cattolica di Catignano, e per il 28 dicembre si invita tutti a riscoprire il piacere di scrivere una lettera senza limiti età grazie alla proposta dell’Ass. Cult. Musicale e di Ricerca Artistica Mousichè con Caro Babbo Natale, idea impreziosita dalla partecipazione delle farfalline dell’Asd IngArt, ginnastica ritmica, alle 18.15 nell’Auditorium Comunale, dove il 6 Gennaio 2022 alle 18.15, chiuderà il cartellone l’appuntamento Befana in concerto con l’Orchestra giovanile Amadeus e il coro giovanile “Vocincoro e piccoli cantori” diretti rispettivamente dai Maestri Filippo Piagnani e Annalisa Cialini.

“Attraverso questa iniziativa – conclude la Piermattei – vorremmo arrivare al cuore dei cittadini per coinvolgerli e ribadire che una comunità diventa accogliente, inclusiva e solidale anche e soprattutto in queste occasioni. La promozione culturale è, a mio avviso, sinonimo di crescita in tutti i settori, volàno per la ripresa economica, il turismo e l’occupazione”.

cammino letterario

Dopo il primo Cammino letterario italiano che, durante l’estate appena trascorsa ha collegato culturalmente Catignano (Pe) a Roma, sta per partire un secondo Cammino letterario di 15 chilometri: è il primo in versione autunnale, ed è stato proposto ed organizzato dall’editore abruzzese Alessio Masciulli che ancora una volta si mette in gioco per amore dei libri.

L’evento prevede due salotti letterari nell’Aquilano e precisamente a Rivisondoli e Roccaraso, comuni che hanno concesso il Patrocinio: l’11 ed il 12 dicembre dunque si torna a parlare di “camminata letteraria” con partenza prevista dal Bosco di Sant’Antonio di Pescocostanzo (Aq), altra meta turistica di grande prestigio per l’Abruzzo.

“Non potevamo non pensare ad una nuova versione del cammino letterario in prossimità delle festività natalizie –ha spiegato Masciulli – Durante la scorsa estate abbiamo sfidato il caldo, ora sfidiamo il freddo ma sicuramente i paesaggi abruzzesi ci emozioneranno con la loro bellezza ed in più ci saranno tanti autori, che ringrazio, a scaldarci il cuore con i loro libri”.

La direzione artistica dell’appuntamento è di Cesira Donatelli che parteciperà anche come autrice del libro Nettare di Luce, è la professoressa Rosella Valentini a curare l’introduzione dei salotti che saranno poi gestiti dallo stesso Masciulli.

Entusiasti dell’evento i sindaci Giancarlo Iarussi di Rivisondoli e Francesco Di Donato di Roccaraso che hanno da subito appoggiato l’iniziativa.

“L’amministrazione di Rivisondoli è onorata di accogliere il cammino letterario promosso dalla casa editrice abruzzese Masciulli, un evento di grande spessore culturale che ci permetterà di raccontare i nostri luoghi della cultura a tutti coloro che parteciperanno”  così interviene Iarussi.

Come aggiunge il sindaco di Roccaraso, Francesco Di Donato, il cammino è un’occasione per “ampliare la nostra offerta turistica promuovendo iniziative culturali che sappiano valorizzare le nostre tradizioni, le radici del nostro territorio e la vocazione culturale di un comprensorio che cerca di sostenere una piattaforma di offerta turistica multilaterale e che è in grado di dare la giusta centralità alla cultura. Un cammino letterario che rappresenta una tappa di un percorso che durante l’anno trova sempre più spazio a Roccaraso”.

Per Masciulli Edizioni ci saranno: La Maschera di Euridice di Silvia Elena Di Donato, Manuale del metodo Fidati di Te di Marida De Vita, 28320 Il ragazzo che urlava in silenzio di Filippo Guidi, Bruco Blu di Tiziana Di Ruscio, Il Gufo e la Marmotta di Serena Giampietro e Danielaide, Amati o Amàti questione di accento di Tiziana Iozzi & Co.

Inoltre: Equilibri delicati (Costa Edizioni) di Dalila Catenaro; Su ali d’aquila (DeComporre Edizioni) di Roberta Rubino; Emozioni senza confini – Il bagaglio del viaggiatore (Editrice Lampo) di Sandra D’Orazio; La lezione del fenicottero (Gruppo Editoriale Raffaello) di Germano Chiaverini; E’ tempo di disobbedire (LFA Publisher) di Manuela Dalmazi.

Per informazioni e contatti è possibile seguire la pagina Facebook di Masciulli Edizioni; non mancheranno dirette video con la Masciulli WebTv.

FLA 2021

Masciulli Edizioni partecipa alla 19esima edizione del Festival dei libri e altre cose di Pescara che si terrà dal 18 al 21 novembre, con diversi libri ed i loro autori.

L’editore di Catignano Alessio Masciulli si dice orgoglioso di essere presente all’interno di questa importante manifestazione pescarese poiché si tratta di “un luogo dove i libri vengono valorizzati e presentati al pubblico in modo efficace e dinamico. Una manifestazione importante allo stesso modo per gli autori esordienti e per quelli più conosciuti”.

Queste le date e i luoghi degli eventi per poter assistere alle presentazioni dei libri Masciulli Edizioni:

  • giovedì 18 alle ore 19.30 al Museo delle Genti d’Abruzzo, Le Idi di Marzo di Andrea Verrocchio, un breve viaggio attraverso la Roma antica;
  • sabato 20 ore 12 al Circolo Aternino Sala Verde (Piano terra), Non è mai tardi per un sogno di Maria Orlandi, una storia tra musica e amore con risvolti inaspettati;
  • sabato 20 ore 12 il Museo delle Genti d’Abruzzo ospita Fidati di te di Marida De Vita, un libro unico nel suo genere, una guida semplice ma potente che accompagna il lettore in un avventuroso viaggio iniziatico che lo porterà a realizzare ogni tipo di desiderio. Presenta l’opera in anteprima il giornalista e scrittore Luca Pompei;
  • sabato 20 ore 18 al Museo delle Genti d’Abruzzo Amati o amàti questione di accento un libro ideato da Tiziana Iozzi insieme a 12 coautrici sparse in tutta Italia, una raccolta di storie tutte al femminile;
  • sabato 20 ore 12 il Circolo Aternino Sala Verde (Piano terra) ospita 28320 Il ragazzo che urlava in silenzio di Filippo Guidi, una storia ambientata ai tempi dei campi di concentramento tra odio e speranza
  • domenica 21 ore 10.30 il Museo delle Genti d’Abruzzo ospita Storie contro la paura di AA.VV. Una raccolta di storie di vita e rinascita.
Salone del Libro di Torino

Nonostante non avessimo uno stand fisso abbiamo comunque avuto modo di accrescere i nostri contatti, abbiamo conosciuto tanti colleghi editori per nuove collaborazioni in tutta Italia e abbiamo incontrato tanti ottimi lettori desiderosi di conoscere le novità e di avere i nostri libri che abbiamo donato con piacere – spiega Alessio Masciulli, accompagnato in questa avventura dagli autori Cesira Donatelli e Giorgio Napoletano Vorrei sottolineare un aspetto importante: nei libri bisogna credere con coraggio e spirito d’iniziativa; si può essere protagonisti lo stesso anche da semplici spettatori ed arrivare al cuore della gente: è stato molto bello infatti parlare con le persone, capire cosa amano leggere, ed avere un confronto anche rispetto ai tanti generi e nomi”.

Per Masciulli la bellezza del Salone sta anche nella grande affluenza di pubblico:

La lettura è una passione sempre viva, ed anzi il libro è stato grande amico delle persone anche nei momenti più difficili dell’emergenza sanitaria. Il Salone dovrebbe essere un posto dove ci si fa conoscere e si presentano novità e idee. Non sarebbe bello se anche in Abruzzo, terra di grandi scrittori, ci fosse un importante Salone del libro?

by Redazione
La Notte dei Libri 2021

L’efficace sodalizio culturale nato dalla collaborazione tra l’editore Alessio Masciulli, il Comune di Pescina (L’Aquila) e il Centro Studi Ignazio Silone, torna a far parlare di sé con la presentazione dell’esclusivo evento La Notte dei Libri – Settima edizione 2021, previsto per il prossimo 2 ottobre, ore 21.00, nel prestigioso Teatro S. Francesco di Pescina.

La realizzazione di questo evento culturale prevede un format completamente innovativo, entro il quale i 15 autori in gara selezionati da un team interno della Masciulli Edizioni, presenteranno i propri libri, facendo esclusivo ricorso alla propria creatività in un tempo massimo di 3 minuti.

La giuria che decreterà i 3 vincitori è composta da: Geltrude Di Matteo direttrice del Castello Piccolomini di Celano, Liliana Biondi docente dell’Università dell’Aquila e componente del Direttivo del Centro Studi Ignazio Silone, Luca Di Nicola giornalista e conduttore TV e Sergio Venditti giornalista.

Il presidente di giuria sarà Mirko Zauri sindaco di Pescina, affiancato, in qualità di vice, da Tiziana Cucolo presidente del Centro Studi Ignazio Silone che così interviene in merito all’appuntamento:

Ringrazio Alessio Masciulli, con il quale vi è una condivisione di orizzonti sulle modalità di rilancio e valorizzazione culturale, per aver coinvolto la Città di Pescina in questa iniziativa che, sono certa, confermerà i successi finora ottenuti, ponendosi come contemporaneo veicolo culturale e strumento di ripresa e resilienza.

L’evento nasce nel 2014 da un’idea di Alessio Masciulli che da sempre propone momenti letterari fuori da ogni schema creando un interesse dinamico e brillante attorno ai libri e agli autori che lo seguono.

La cultura e la lettura devono arrivare a tutti – queste le sue parole. – Non bisogna creare distanze tra chi scrive e chi legge, questo evento oltre ad essere un’importante vetrina per gli scrittori è un modo per sperimentare, mettersi alla prova e far trascorrere una serata diversa, serena e interessante a chi avrà il piacere di esserci”.

Nel corso della serata anche il pubblico sarà partecipe decretando un vincitore, tra i 15, che più saprà colpire i loro animi.

Enorme soddisfazione espressa da Zauri:

Per me e per la Città di Pescina ricevere ed accogliere un’iniziativa che mette al centro la cultura fatta di libri da promuovere è un onore ma rappresenta anche una ‘sfida’ unica, ed in un certo senso simpatica, fatta di un concentrato di energia finalizzata ad avvicinare l’ascoltatore a quei libri che i diretti autori presenteranno. Tutto è possibile grazie ad Alessio Masciulli che con la Masciulli Edizioni sceglie ancora di coinvolgere la Città di Pescina: questo evento è anche il primo nella nostra città.

“Dopo il Primo Cammino Letterario Italiano, ideato da Alessio, che ha portato tanto a Pescina, siamo di nuovo come Amministrazione Comunale e Centro Studi Ignazio Silone a far da spalla nella promozione di libri, territorio, cultura e sviluppo e Pescina, nel percorrere questa strada, sarà sempre più Città di Cultura e per la Cultura”- promette il primo cittadino.

tagliacozzo

Il Primo Cammino Letterario Italiano ideato dall’editore di Catignano (Pescara), Alessio Masciulli prosegue il suo percorso e fa tappa anche nel cuore del comune di Tagliacozzo (L’Aquila) dove ad accoglierlo è il sindaco Vincenzo Giovagnorio nel Cortile nobile del Palazzo Ducale.

Nove sono gli autori presentati dalla Professoressa Silvia Elena Di Donato e che hanno preso parte al salone letterario organizzato nel comune abruzzese che ben si presta a questo percorso che attraversa l’anima della cultura e della letteratura; questi i nomi degli autori: Cesira Donatelli con Nettare di luce, Daniele Sannipoli con Antigone, una riscrittura; Federico del Monaco e Lo statico volo d’una rima; Giuseppe Marco Pasquarella e La vetrina, la mia arte; Luca Pompei e Come gli alberi spogliati ad Aprile; Manuela Di Dalmazi con E’tempo di disobbedire; Maurizio Cichetti e Disincanti e altri mestieri; Mizar Mahira Specchio con Fiore Notturno e Vittoria Cecilia Di Biase con Il ginepro e l’oleandro.

“Tagliacozzo ha immediatamente aderito a questa lodevole iniziativa proposta da Alessio, ed infatti oggi siamo qui ad ascoltare le opere degli autori previsti in questa tappa e con grande emozione, – interviene il sindaco Giovagnorio – sottolineo che sono davvero grato per la scelta del nostro comune. I libri fanno bene all’anima: siamo stati messi a dura prova dal Covid, siamo ancora scossi dalle conseguenze dell’emergenza sanitaria ma la buona lettura è stata fedele amica anche nei momenti più complessi”.

“Non solo libri ma anche tanto Abruzzo in questo Cammino Letterario – prosegue il sindaco – infatti è un modo alternativo per far conoscere la nostra regione che ha delle bellezze paesaggistiche  e culturali da mostrare e valorizzare quindi ben vengano progetti che aiutino in questo. La cultura è una questione di piedi, come accade per l’amore: è un mettersi in cammino per conoscere l’altro e scoprire la realtà che c’è oltre noi stessi”.

“Tagliacozzo è l’unica città d’Abruzzo ad essere citata da Dante nella Divina Commedia, e questo favorisce una trasmissione di saperi e valori, che la cultura porta – conclude il sindaco. – Dove c’è cultura c’è accoglienza; noi siamo al confine tra la terra dei Marsi e la terra degli Equi, e Tagliacozzo significa ‘spaccatura del monte’ ed attraverso di essa passa l’antica via Tiburtina- Valeria che unisce l’Occidente all’Oriente e siamo un momento di comunicazione, realtà messa in pratica in modo esemplare con questo Cammino Letterario”.

Si ricorda che il Primo Cammino Letterario Italiano, iniziato il 26 luglio, prevede circa 240 km in sei giorni lungo il percorso Catignano (Pescara) – Ciampino (Roma).

by francesca