Search

Author Archives: Redazione

Tikitaka Planet

Dopo il pari interno con Città di Falconara, il Tikitaka Planet sabato pomeriggio sfiderà in trasferta il Calcio Padova Femminile che nell’ultimo turno ha conquistato il suo unico punto in classifica nel match pareggiato 3-3 con il Kick Off Femminile.

Dunque situazioni molto diverse tra le due compagini in questa prima parte di campionato, per le giallorosse potrebbe sembrare una gara abbordabile, ma non sarà così, lo sa anche la laterale Aurora Gerardi (nella foto):

Stiamo giocando bene, abbiamo fatto delle belle partite contro due squadre che l’anno scorso si sono scontrate per vincere il campionato, abbiamo fatto 4 punti importanti giocando molto bene. Adesso dobbiamo tenere testa alla prossima partita che sembra semplice, ma in realtà è una delle gare cruciali del campionato perché è una squadra che deve iniziare a fare punti, noi comunque siamo in un momento positivo e dobbiamo continuare così. La partita di sabato l’affronteremo con la stessa testa, la stessa cattiveria agonistica e lo stesso atteggiamento avuti con Pescara e Falconara. Il Padova non ha niente di meno rispetto alle altre squadre, la bassa posizione di classifica non significa che sarà facile, anzi è una compagine con la quale avremo delle difficoltà ma noi sicuramente andremo lì cattive a cercare i tre punti. Sicuramente loro prepareranno la partita bene sulla base del fatto che abbiamo ben figurato con due avversarie importanti, avranno rispetto di noi e non ci aspetteranno come squadra neopromossa visti i risultati che abbiamo avuto fino ad ora.

 

by Redazione
Villavallelonga

Villavallelonga (L’Aquila) 1005 metri sopra il livello del mare. Grazie all’isolamento di cui ha goduto per secoli presenta una natura incontaminata e di bellezza unica.

Fu una parte dei suoi rilievi a formare il primo nucleo della Riserva reale dell’Alta Val di Sangro, base del futuro Parco Nazionale d’Abruzzo: le telecamere Rai con Sem Cipriani si sono spinte fin qui insieme allo scrittore Peppe Millanta per una nuova puntata della rubrica a cura di Paolo Pacitti, Quota Mille.

“Il nome – spiega Millanta – richiama la posizione geografica del borgo: la Villa è infatti il punto più alto della vallata, dove oggi sorge il centro storico del paese, che si sviluppò intorno all’anno mille e che nel Medioevo veniva chiamato Rocca di Cerro. La vallata porta questo nome, Vallelonga, per le lunghe montagne che la delimitano, e per la forma allungata che la contraddistingue. Un tempo la valle era denominata Valle Transacquana, da Trans Aquas, ovvero valle situata al di là delle acque, quando ancora c’era il lago Fucino a delimitarne la parte occidentale”.

Molte sono le leggende che attraversano questi boschi già dai tempi dei Marsi, gli incantatori di serpenti, che li popolarono. Oggi una di queste è legata alla piccola Chiesa della Madonna della Lanna: un punto di riferimento per chi attraversa i boschi; da qui passavano i pastori nella loro transumanza in Puglia.

Come continua Millanta: “Proprio a Villavallelonga è stata scoperta la faggeta più antica d’Europa: quella di Val Cervara, una delle cinque faggete che dichiarate patrimonio mondiale dell’umanità dall’UNESCO si trovano in Abruzzo, e sono tutte situate nei dintorni: veri e propri scrigni, che al loro interno conservano specie rare o endemiche. Molti di questi alberi si stima che abbiano più di 500 anni”.

La faggeta di Val Cervara ha anche un’altra peculiarità: è l’unico esempio conosciuto di foresta primaria in Italia; si tratta in pratica di un ultimo baluardo di una natura incontaminata.

Un ecosistema soggetto soltanto alle leggi della Natura, che segue processi non viziati dalla presenza dell’uomo: qui gli alberi nascono, crescono, competono tra loro, si seccano e muoiono, lasciando spazio ad altra vita, in un ciclo perpetuo che attraversa le stagioni, gli anni, i secoli.

“Si tratta di un patrimonio unico da difendere, che necessita di un approccio responsabile e rispettoso: un santuario al potere della vita e alla capacità della natura di stare sempre in equilibrio” conclude Peppe Millanta.

Il viaggio tra i borghi d’Abruzzo continua su Buongiorno Regione; novità, curiosità e qualche piccola anticipazione sono sulla pagina Facebook https://www.facebook.com/peppemillanta, dov’è possibile saperne di più anche sulla puntata dedicata a Villavallelonga.

by Redazione
paglieta

Verrà presentato domenica 5 dicembre alle 17, nella sala polivalente di Paglieta, il libro di Martina Pace Slave Schiava, per i tipi di Irdidestinazionearte letteratura con la copertina di Daniela Ricciardi.

Intervengono Massimo Pasqualone critico d’arte e letterario e Sofonia Berardinucci, poetessa.

Aurora e Leonardo sono amici e complici, “amanti” di vita ed è estate quando i due si incontrano per caso e, dopo una lunga pausa, riprendono a conoscersi di nuovo, ritrovando quello spirito complice.

Una passione travolgente inonda i due protagonisti, culminando in una storia ricca di potere, dominio, sottomissione e “giochi proibiti”.

by Redazione
Perugia

Ottimo rientro per il team pescarese di Andrea Garofalo che, dopo la lunga pausa dalle competizioni causa Covid, torna a vincere con quattro atleti in gara.

Nei campionati nazionali di Perugia i ragazzi tesserati ENDAS hanno ottenuto tutti la medaglia d’oro con prestazioni di buon livello. Mattia Esposito, Simone Di Pietrantonio, Alessandro Cacciatore e Kevin Spinelli conquistano il bottino pieno.

Il maestro Andrea Garofalo ha accompagnato all’angolo anche un altro atleta abruzzese, Stefano De Berardinis, allievo del maestro Matteo Ciabattoni di Giulianova, che nel main event della giornata ha vinto con uno spettacolare KO il titolo nazionale e la cintura di campione.

by Redazione
Modavi Moscufo

È stata costituita a Moscufo una nuova Associazione di Protezione Civile denominata “Modavi Moscufo”. La una nuova Associazione è presieduta da Alessandro Colazzilli ed ha aderito al Coordinamento Modavi Abruzzo.

“Ad oggi siamo 23 volontari attivi, siamo un gruppo di persone mossi dal desiderio di fare qualcosa per il Paese e per il prossimo. Vogliamo coinvolgere i nostri concittadini in questo nuovo progetto di Protezione Civile e speriamo di poter contare sul loro aiuto per far crescere l’Associazione sul nostro territorio” ha sottolineato il Presidente Alessandro Colazzilli.

Il Modavi Moscufo, nato a settembre 2021, ha già iniziato ad operare nel pescarese prestando servizio presso il Centro Vaccinale Città Sant’Angelo Village Outlet a supporto del personale addetto per la somministrazione dei vaccini, nell’accoglienza e nel supporto alla popolazione per la compilazione della modulistica e per aiutare a rispettare le norme anti-Covid in vigore.

“Vedere nascere questa nuova realtà associativa, in questo periodo storico, volta all’aiuto del prossimo e del nostro territorio, ci riempie di orgoglio – dichiara il Vicesindaco di Moscufo Emanuele Faietae siamo certi che il Presidente Colazzilli e tutti i suoi associati, svolgeranno con dedizione un grande lavoro per il nostro paese. L’Amministrazione Comunale è ben lieta di avere questo nuovo Gruppo di Protezione Civile come supporto in caso di necessità. Auguriamo a tutti un buon lavoro.”

“Ritengo che il volontariato di Protezione Civile debba tornare a ricoprire un ruolo di primaria importanza, soprattutto performante e strategico, raggiungendo un livello organizzativo capillare diffuso sul territorio, per questo, abbiamo accolto la volontà di Emanuele Faieta, vicesindaco del Comune di Moscufo, e abbiamo lavorato insieme per dar vita al gruppo di Protezione Civile Modavi Moscufo. Colgo l’occasione per ringraziare tutti i volontari, il loro è un lavoro silenzioso e discreto che spesso rimane nell’ombra, per questo ancora più prezioso.” – così Mirco Planamente, Presidente del Coordinamento Modavi Abruzzo.

Sabato 11 e domenica 12 dicembre 2021 si svolgerà il corso base di formazione per i volontari di Protezione Civile del Modavi Moscufo e per tutti coloro che sono interessati ad entrare in questa nuova realtà. Il corso è gratuito ma è obbligatoria l’iscrizione.

Il corso sarà così organizzato:

  • sabato 11 dicembre, ore 17:00 lezione teorica presso la Sala Consiliare del Comune di Moscufo;
  • domenica 12 dicembre, ore 10:00 esercitazione pratica presso Largo Garibaldi (Moscufo).

Per informazioni ed iscrizioni contattare il Presidente Alessandro Colazilli al numero 3285971650 o per e-mail all’indirizzo modavimoscufo@gmail.com .

 

 

by Redazione
Legacoop Abruzzo

Legacoop Abruzzo rilancia la sua azione di supporto alle realtà imprenditoriali in forma cooperativa sul territorio, con la consapevolezza che i fondi del PNRR rappresentano una grande opportunità che, oltre agli interventi che verranno concretamente attuati, dovranno ridefinire le logiche e gli strumenti del nuovo sviluppo.

Ed è in questa direzione che si è sviluppato l’incontro promosso dall’associazione datoriale abruzzese con un tavolo di confronto ospitato nella sede di Feudo Antico, a Tollo, e trasmesso in streaming per consentire un’ampia partecipazione.

Il sindaco di Tollo, Angelo Radica, ha portato i suoi saluti sottolineando come «il metodo rappresenta l’aspetto cruciale in tutto ciò che si fa» e ribadendo la necessità di «collaborazione tra le amministrazioni locali e tutti gli attori del territorio».

A Germano De Sanctis, Direttore dell’Assessorato alle attività produttive della Regione Abruzzo, e Carmine Cipollone, Direttore del servizio autorità di gestione unica FESR-FSE, il compito di illustrare le modalità di funzionamento del PNRR e come le misure verranno declinate nelle realtà regionali e locali, spiegando come si stia lavorando per poter garantire un’adeguata assistenza tecnica dei progetti che verranno finanziati.

Nell’intervento di Fabio Renzi, direttore generale della fondazione Symbola, è emersa la necessità di guardare alle aree interne come luoghi a cui restituire servizi per aumentarne l’attrattività, non solo come luogo di villeggiatura, ma di lavoro e di vita. «Assistiamo ad un ritorno alla montagna. La vera scommessa è quella di neo-popolare questi territori. Lo spazio montano – ha sottolineato Renzi è cooperativo per natura».

Nella sua azione, Legacoop sta procedendo in una vincente sinergia con l’Università D’Annunzio e, in particolar modo, con il Dipartimento di Economia, rappresentato nell’incontro dal professor Antonio Gitto.

«Oggi è centrale il tema della sostenibilità, dobbiamo arrivare ad una economia che sia alla nostra portata e non sfrutti troppo le risorse. Immaginando un sistema che non consumi, con meno egoismo e più solidarietà, il ruolo delle cooperative è cruciale. In queste realtà c’è l’obiettivo economico, trattandosi di imprese, ma vi troviamo una eticità e una moralità che è più difficile ravvisare in altri sistemi. Le cooperative sono un sistema aperto, il PNRR, come strumento straordinario, e i fondi strutturali, come interventi continuativi, devono interpretarne le esigenze e aiutarle ad attuare la transizione».

Di particolare interesse il tema dell’impresa benefit, che Legacoop Abruzzo ha messo tra i punti della sua azione. «La catena del valore benefit, da noi definita la catena dell’impatto, è una filiera trasversale dei valori che impattano direttamente sulla capacità di creare valore economico, sociale e ambientale di un’azienda – ha spiegato la dottoressa Sara Cirone, imprenditrice benefit -. Per far dialogare pubblico, privato e terzo settore vanno rendicontati gli impatti. Così si andranno a valutare e misurare, ma soprattutto condividere, obiettivi per poter creare un’unica catena del valore che generi sviluppo per tutti». Cruciale è il «il report integrato, che valorizza la circolarità per generare e rigenerare specifiche azioni per un nuovo modello di sviluppo. Queste generativitá trasversali possono permettere l’evoluzione della morfologia dei territori italiani».

All’incontro ha partecipato anche il presidente di Legacoop Nazionale, Mauro Lusetti. «Il Paese ha l’opportunità di fare ciò che in passato non è stato in grado di fare. Il movimento cooperativo deve essere interlocutore credibile per intercettare le risorse che arriveranno. I fondi del PNRR non sono importanti per rilanciare l’economia con l’incremento di alcuni punti di PIL, ma serviranno per trasformarla, superando gli eventi che da decenni sono una piaga. Servono riforme strutturali, la politica si impegni a mediare a favore di un nuovo impianto».

Luca Mazzali, presidente Legacoop Abruzzo, ha ricordato come il 2021 ha visto l’associazione animare l’interlocuzione con le proprie associate attraverso azioni di consulenza specializzata, formazione e informazione dedicate al loro sviluppo e al territorio, grazie alla partnership di valore con Coopfond. «Questo è il presupposto dello sviluppo e come Presidente mi faccio garante dell’impegno che, come associazione, continueremo ad investire in tale direzione. Coopstartup Abruzzo è un progetto pronto ad affiancare le idee imprenditoriali da subito, un primo tangibile sostegno a chi vuole formarsi e raccogliere le sfide del PNRR e non solo, facendosi interprete di tutte le opportunità che oggi sono state elencate».

Scuola Calcio femminile

Apre ufficialmente le porte del campo la scuola calcio femminile del Magister Village di Montesilvano. Dopo i due Open Days dello scorso weekend, la struttura sportiva è pronta ad accogliere le bambine iscritte.

Due belle giornate che hanno visto le più piccole, in età compresa tra i 5 e gli 11 anni, cimentarsi col pallone all’insegna del puro divertimento.

Divertimento e gioia che hanno portato tutte le bambine partecipanti alla due giorni a iscriversi per continuare l’esperienza sportiva ed educativa,

E’ infatti questo lo spirito con cui la Scuola Calcio femminile vuole iniziare un nuovo percorso che include anche progetti e iniziative a carattere sociale; fondamentali in tal senso, le partnership la Fondazione Anffas Pescara La Gabbianella e l’associazione Plastic Free.

Il Magister Village di Montesilvano dunque, apre le porte al calcio femminile ampliando la numerosa offerta sportiva al suo interno.

Glauco Gasparini, responsabile del Magister Village:

Grazie a Michele Galanti, alla sua visione ed esperienza, abbiamo fatto anche questo passaggio. Ho sempre creduto in un servizio trasversale in quanto non esistono discipline che vengono svolte solo da ragazzi o solo da ragazze: E’ una bella sfida dato che il calcio femminile è diventato un movimento diffuso ed era giusto iniziare a percorrere questa strada; sono contento di farlo con un professionista e spero che il suo entusiasmo riesca a coinvolgere tutti le ragazze che hanno dimostrato di voler proseguire in questo senso.

 

Le iscrizioni alla scuola calcio femminile sono aperte, per informazioni: 345 3396017

Marrucino

Il teatro comico d’autore debutta al Marrucino di Chieti con Coppie felicemente infelici, una commedia prodotta da Uao Spettacoli firmata da Claudio Insegno che guarda alle umane fragilità e proprio questo spettacolo in cui si prendono di mira le piccole insopportabili abitudini che minano l’amore è il primo appuntamento della divertente rassegna Ride bene, chi ride al Marrucino creata da Marco Iezzi e Federico Perrotta in collaborazione con il Teatro Marrucino.

Parola d’ordine della domenica pomeriggio: divertimento; ed è proprio all’insegna della risata che il gioiello teatino è tornato a riempirsi di spettatori desiderosi di emozioni e come sottolinea lo stesso Marco Iezzi: “E’ stato bellissimo percepire il sorriso negli occhi delle persone; nel vivere i diversi momenti di una commedia molto piacevole credo che in molti abbiano portato a casa una piccola analisi del sè questa sera. Sul palco un cast eccezionale: ringrazio Federico Perrotta per la divertente collaborazione, tutti coloro che lavorano alla buona riuscita di questi appuntamenti con lo spettacolo e lo stesso Teatro Marrucino; non posso non ringraziare il pubblico perchè non ha mai smesso di credere nello spettacolo dal vivo”.

Ad animare la scena: Federico Perrotta e Valentina Olla che rafforzano il matrimonio artistico con Claudio Insegno e Sabrina Pellegrino, alla quale affidano anche la scrittura del progetto e gli attori Marco D’Angelo e Giulia Perini. Scene e costumi sono di Graziella Pera, il disegno luci di Marco Laudando; fonica a cura di Marco De Angelis.

“Il secondo appuntamento con la rassegna che ci regala tante soddisfazioni prevede Ciao Signò, uno spettacolo divertente e ricco di sketch amatissimi del repertorio di Marco Marzocca, che andrà in scena al Teatro Marrucino il 19 dicembre alla stessa ora; l’occasione giusta per rivivere i suoi personaggi più famosi; presente anche la spalla artistica di Stefano Sarcinelli ed anche questa sarà una buona occasione per ridere insieme” conclude Iezzi.

Il divertimento ben si sposa con la beneficenza, infatti la rassegna Ride bene chi ride al Marrucino gode dell’appoggio di tutti i club Kiwanis della Divisione 11 Abruzzo – Puglia per la raccolta fondi in favore dell’Anffas di Chieti.

 

Tollo

Sabato 4 dicembre alle 18, all’Enomuseo di  Tollo, ci sarà la presentazione del libro di poesie di Alberico Solimes, L’ombra spezzata,  con le relazioni di Massimo Pasqualone e di Andrea Valente.

“Le liriche di Alberico Solimes – sottolinea Pasqualone – colpiscono per la capacità che hanno di condurre il lettore in un universo concettuale delicato ed al contempo sofferente, che riesce a trasformare la bellezza in dolore, che ci dice, da un lato, le tante tempeste della vita; dall’altro l’amore, che solo vince tutto. Verso franto e denso di cesure, poesia onesta, immagine evocative potenti, sono la cifra stilistica di questa raccolta”.

Andrea Valente scrive che “la raccolta è composta da diverse declinazioni di un panteismo lirico, esplorato attraverso contrasti di chiaroscuri che lasciano sempre intendere, dichiaratamente o per converso, una varietà cromatica interiore, metafora della riconquistata pienezza dell’esistenza: la cecità “è padrona / del mio mondo a colori”; non è riuscita a sopprimerlo ma lo controlla soltanto, non come potenza attiva ma come recinzione limitante, una struttura inesorabile che proprio per questo è divenuta basilare. In parallelo, il mondo viene scomposto dalla moltitudine di sensi cadetti che di norma restano ai margini”.

La copertina del volume, per i tipi di Irdidestinazionearte letteratura,  è dell’artista sulmonese Paola Raspu.

 

 

pianella

Sarà Carolina Kostner, vincitrice della medaglia di bronzo ai Giochi olimpici invernali di Soči 2014, campionessa mondiale 2012, medagliata altre cinque volte ai Campionati del mondo (2008 e 2013 argento; 2005, 2011 e 2014 bronzo), cinque volte campionessa europea (2007, 2008, 2010, 2012, 2013), medagliata altre sei volte ai Campionati europei (argento nel 2009 e nel 2011, bronzo nel 2006, 2014, 2017 e 2018), vincitrice della Finale del Grand Prix di pattinaggio di figura 2011, medaglia di bronzo ai Campionati mondiali juniores del 2003, e nove volte campionessa italiana (2003, 2005, 2006, 2007, 2009, 2011, 2013, 2017 e 2018), Carolina ha anche concluso tre stagioni consecutive (2010-2011, 2011-2012 e 2012-2013) come prima al mondo nella classifica dell’ISU, ad accendere, come da tradizione l’8 dicembre, l’albero di natale più grande d’Abruzzo.

Nell’ambito del tradizionale pomeriggio di festa, le vie principali della cittadina vestina, per l’occasione chiuse al traffico veicolare, saranno animate dai suoni della Mo’ Better Band, una street band composta da 13 elementi i cui brani si ispirano allo spirito Funky degli anni settanta e la cui originalità ha attirato anche l’attenzione della nota trasmissione televisiva Propaganda live.

“Questa edizione della tradizionale accensione dell’albero di Natale di Pianella – spiega l’assessore alla cultura Sabrina di Clemente – non poteva che essere incentrata attorno al tema del ghiaccio, visto lo straordinario successo che sta riscuotendo la pista di pattinaggio, allestita proprio sul belvedere dal quale si ammira il nostro cedro che ha ormai da qualche tempo compiuto i 60 anni. Sarà infatti la bellissima e pluridecorata atleta, alfiere italiana del pattinaggio su ghiaccio, ad accompagnare in pista le giovani atlete della “ Evolution Skating Dance” per una esibizione, mentre nelle via del paese sfilerà la Mo’ Better Band che con i suoi 13 elementi contaminerà tutti a muoversi al seguito scaldandosi sui godibili ritmi Funky e Jazz.